Home Editoria Libri. Chi non rispetta le regole? Italia e Germania le doppie morali...

Libri. Chi non rispetta le regole? Italia e Germania le doppie morali dell’euro

SHARE
regole

Il Professor Cesaratto continua ad elargire lezioni di economia alle masse. Con il testo “Chi non rispetta le regole? Italia e Germania le doppie morali dell’euro” cerca di far comprendere meglio a tutti – e in particolar modo alle classi dirigenti che considerano solo populisti euroscettici coloro che muovono delle critiche all’Europa – come i problemi e le disfunzioni delle normative fiscali europee, arrechino danni e non aiutino l’economia.
L’Italia, come il resto dei Paesi dell’eurozona, è coinvolta nel processo di revisione dell’assetto economico di tutte le istituzioni che dovrebbero redigere un nuovo accordo riguardante le normative fiscali europee, definito un Maastricht 2.0.

Riesame assolutamente necessario, perché le regole attuali sono state definite – anche da economisti graditi a Bruxelles – complesse e senza speranza di comprensione, al punto che nessun ministro delle finanze è realmente in grado di capire quello che il proprio Paese dovrebbe fare per riuscire a rispettarle.
Chi però non è disposto a semplificare tali procedure è proprio la Germania, che sostiene come il mancato funzionamento e l’iniquità delle norme attuali siano dovute ad errori applicativi. L’establishment tedesco, per di più, condanna l’Italia anche da un punto di vista culturale perché gli educatori, dalla scuola all’Università, non contribuiscono a sviluppare nelle nuove generazioni una adeguata sensibilità civile e sociale.
L’autore, ovviamente, scava più a fondo dei cliché e dà per scontato che all’interno di un’unione monetaria le regole che gli aderenti stabiliscono debbano essere rispettate, ma invita a interrogarsi su quanto queste disposizioni siano giuste o se si tratta, piuttosto, dell’espressione dei rapporti di forza tra i diversi Stati membri.

Secondo il docente dell’Università di Siena, le regole comunitarie non aiutano a ridurre gli squilibri fra i Paesi dell’Unione, ma sono idonee soltanto al modello mercantilista tedesco. Citando le sue ricerche e mettendo in risalto il suo punto di vista post-keynesiano, l’autore sottolinea come le norme europee non funzionino in quanto sbagliate, contorte e nocive alla crescita economica della nostra Penisola. In poche pagine, viene centrato in maniera tagliente il punto, senza troppi giri di parole.
Il libro, edito da Imprimatur, è acquistabile in libreria e disponibile online al prezzo di 14,00 euro. (D.D. per NL)