Media. Agcom: pubblici i dati sulla dieta mediatica italiana a inizio 2017

In data 21 marzo è stato reso pubblico il documento dell’Agcom riguardante l’Osservatorio sulle comunicazioni inerente il primo trimestre del 2017. Diviso in quattro sezioni rappresentanti il settore delle comunicazioni nella sua globalità, il terzo capitolo del documento mostra i dati relativi al settore mediatico, con un particolare riferimento al mezzo radiotelevisivo, la navigazione in Internet e il campo dell’editoria. “Rai e Mediaset sono i due principali operatori in termini di audience, con il 36,0% e il 31,0% di quote di ascolto, pur attestandosi su livelli di share inferiori rispetto al 2012” (Rai ha perso il 3,8% mentre Mediaset il 2,9%) si legge nel comunicato stampa dell’Agcom. Subito dopo i due primi broadcaster, trovano posto Sky, con l’8,4% di quote di ascolto (che registra così una crescita del 2% rispetto al 2012), Discovery con 6,9% (nel 2012 solo 1,8%, registrando così un +5,1% grazie anche alle operazioni M&A) e La7 che dal 3,8% è passata al 4,1%. Per quanto riguarda i dati relativi ad Internet, nel mese di dicembre 2016, più di trenta mln di utenti si sono collegati alla Rete giornalmente; di questi ben 25,4 mln di utenti si sono collegati ad Internet tramite dispositivi mobili (+17,7% rispetto a dicembre 2015). Google rimane la principale destinazione, con il 95,9% degli utenti che navigano in rete; crescono le ore mensili di navigazione, arrivando a superare le ventiquattro ore per il social network Facebook e il servizio di messaggistica istantanea Whatsapp. Cresce anche Mondadori che con il 52,3% si guadagna la sesta posizione nella classifica del ranking per utenti unici (dati relativi al mese di dicembre 2016, fonte Audiweb). Risulta invece in flessione la vendita di quotidiani: “a dicembre 2016 le vendite dei quotidiani è risultata di poco superiore ai 2,5 mln di copie, in flessione del 9,8% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente”, riporta Agcom (una diminuzione pari a poco più di 270mila copie giornaliere). Al primo posto si posiziona RCS Mediagroup con il 21,7%, a cui fa seguito il Gruppo Editoriale l’Espresso con 18,7%, il Gruppo Monrif e il Gruppo Caltagirone Editore, entrambi con l’8,6%. Per il mezzo radiofonico, invece, il leader è RTL 102.5 con il 19.5% degli ascoltatori, seguita da RDS 100% Grandi Successi al pari con Radio 105 al 13,5%, entrambe tallonate da Radio Deejay con il 13,2% (classifica ranking per ascoltatori nel giorno medio relativa al 2°semestre del 2016 – fonte dati Radio Monitor). Per ulteriori dati sul settore delle comunicazioni si rinvia al sito www.agcom.it da cui è possibile scaricabile l’intero documento dell’Osservatorio sulle comunicazioni n.1 del 2017. (L.M. per NL)

printfriendly pdf button - Media. Agcom: pubblici i dati sulla dieta mediatica italiana a inizio 2017