Media. Getty Images acquisisce Unsplash: una mossa che non mira ad affossare un competitor ma a valorizzarlo

unsplash

Getty Images e Unsplash, due modelli di business diametralmente opposti, si uniscono. Ma continueranno ad operare come marchi autonomi.

Getty Images sfrutta le potenzialità di Unsplash

La notizia dell’acquisizione di Unsplash da parte di Getty Images potrebbe far erroneamente pensare ad una mossa per liberarsi di un competitor scomodo. Entrambi i servizi offrono, infatti, immagini di alta qualità. Il primo gratuitamente, mentre il secondo a pagamento.
Invece, pare che il sito di immagini a pagamento sia deciso a sfruttare le potenzialità di Unsplash.

Tutto gratis

Ciò che più potrebbe risultare sorprendente è il fatto che un sito che permette di scaricare immagini ad alta qualità free, sia sopravvissuto fino ad oggi. Soprattutto, sembra assurdo che migliaia di fotografi accettino di mettere a disposizione i propri lavori senza nulla ricevere in cambio.

Alcuni numeri

I numeri parlano chiaro: in 10 anni sono stati totalizzati più di 3 miliardi di download a fronte di un catalogo superiore a 2 milioni e mezzo di immagini, realizzate da quasi un quarto di milione di fotografi. Cifre impressionanti, soprattutto il dato sui professionisti che hanno deciso di iscriversi al sito.

unsplash ridim 1 - Media. Getty Images acquisisce Unsplash: una mossa che non mira ad affossare un competitor ma a valorizzarlo

Gratis non è scadente

Guai a pensare che chi decide di rendere fruibili i propri lavori a titolo gratuito, sia un amatore. Unsplash è un sito per professionisti e la qualità delle immagini lo testimonia.

Le alternative ad Unsplash

Esistono alternative ad Unsplash, come Shutterstock e Adobe Stock. Ma questi servizi, un po’ come Spotify, offrono una vasta scelta a fronte di una minima spesa per l’utente. Per cui, il creatore di un’opera si vede pagare, a singolo download, cifre che vanno dai 25 ai 38 centesimi. Numeri molto bassi, a meno che si arrivi a fare migliaia di download.

Il meccanismo degli assaggi gratuiti

La possibilità di accedere gratuitamente ad un servizio invoglia ovviamente l’utenza a usufruirne. Ma tra gli utenti di Unsplash ci sono anche professionisti dell’informazione o della comunicazione. Soggetti che si approcciano ai lavori dei fotografi in modo gratuito, ma che potrebbero anche essere interessati a qualcosa in più.

Unsplash Hire

La stessa Unsplash punta su questo meccanismo, lanciando il servizio Hire, tramite cui appunto assumere fotografi direttamente dal loro account Unsplash. Un’opzione per chi, oltre alla qualità già fornita, cerca anche l’esclusività.

unsplash hire ridim - Media. Getty Images acquisisce Unsplash: una mossa che non mira ad affossare un competitor ma a valorizzarloPubblicità gratuita

Unsplash diventa in quest’ottica un modo gratuito e pressoché illimitato per farsi pubblicità, ma non solo. Tramite Unsplash un fotografo può costruirsi un portfolio fatto non più di foto (o almeno, non solo), ma di download.

La visione della pubblicità

Secondo Unsplash il modo di fare pubblicità deve cambiare. Si è arrivati a un punto in cui gli utenti cercano in tutti i modi di evitare la pubblicità, bloccandola o optando per versioni a pagamento di servizi (come nel caso di Spotify) che permettono di avere un’esperienza priva di advertising.

Un nuovo modo di intendere l’advertising

Il miglior modo di farsi pubblicità diventa quello di non aggredire il pubblico con banner o inserzioni. In quest’ottica, il download e l’utilizzo, magari da parte di una testata giornalistica importante, della creazione di un fotografo, diventa esso stesso il mezzo pubblicitario migliore.

L’ammirazione di Getty Images per Unsplash

Un sistema, quello messo in piedi da Unsplash, che ha sempre trovato l’ammirazione anche della stessa Getty Images che non ha fatto mancare le sue parole di apprezzamento: “abbiamo molta ammirazione per Unsplash. Quello che state facendo per la creatività e ciò che avete costruito è incredibile”, afferma Craig Peters, CEO di Getty Images.

Espansione verso nuovi orizzonti

Alla luce di queste dichiarazioni e di quello che Unsplash ha creato, non si fatica a comprendere come mai Getty Images abbia voluto mettere le mani su questo sito. Non si tratta dunque di una mossa per liberarsi di un competitor, ma dell’espansione verso un mercato importante. (A.M. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Media. Getty Images acquisisce Unsplash: una mossa che non mira ad affossare un competitor ma a valorizzarlo

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL