Home Editoria Media. Iperconcentrazione: Murdoch interessato a CNN. Il miliardario può contare su Trump

Media. Iperconcentrazione: Murdoch interessato a CNN. Il miliardario può contare su Trump

Il mai domo Rupert Murdoch (86 anni) ha messo nel mirino la Cnn. Sebbene non vi siano ancora conferme, l’indiscrezione è rimbalzata negli ultimi giorni su tutte le principali testate statunitensi.
Il sospetto è che dietro l’ipotetica operazione d’acquisto ci possa essere l’attuale presidente americano Donald Trump, amico di vecchia data del magnate australiano. L’accordo fra i due miliardari è possibile ma gli analisti di Wall Street si sono dichiarati piuttosto scettici: Trump può contare sull’appoggio mediatico di Fox ma la guerra con la Cnn coinvolge diverse parti in causa, dall’opinione pubblica agli implicati nel Russiagate fino ai colossi “nemici” di Murdoch Facebook e Google.
A luglio il presidente Usa aveva pubblicato un tweet con un video che lo ritraeva su un ring contro la Cnn in un fantomatico incontro di wrestling (disciplina che in passato ha visto la partecipazione del fulvo politico newyorkese). Pochi giorni fa il Dipartimento di Giustizia si era dichiarato contrario all’acquisto di Time Warner da parte della AT&T per garantire la libera concorrenza ed evitare posizioni dominanti nel comparto media.

Il capo dell’ufficio antitrust Makan Delrahim spinge affinché Time Warner ceda Turner Broadcasting, proprietaria della all news Cnn oltre che di Boomerang, TNT e NBA Tv. Nonostante le diverse proposte d’acquisto arrivate nelle ultime settimane, i vertici della AT&T hanno dichiarato che il network al momento non è in vendita: frasi che sono apparse più di circostanza che di vera smentita ufficiale. Nella storia si inserisce allora magicamente Murdoch.
L’agenzia stampa Reuters riporta che tra maggio e agosto il proprietario della Fox avrebbe provato l’affondo telefonando al ceo della compagnia di Dallas Randall Stephenson e ricevendo un secco no. Lo stesso Stephenson così si è espresso sulla vicenda: “Vendere la Cnn non avrebbe alcun senso. Se il dipartimento della Giustizia si opporrà alla fusione, noi siamo pronti a difenderla in tribunale”.
Insomma, la vicenda alla “Quarto potere” è molto intricata e le parti in causa sono pronte ad andare fino in fondo per i propri interessi. (M.R. per NL)