Radio. Benissimo pubblicità nazionale a gennaio 2020: quasi +12%. Ma epidemia Coronavirus rischia di vanificare il risultato conseguito

gennaio 2020

“Dopo un 2019 chiuso in crescita del + 1,7 % era importante iniziare bene l’anno 2020 e così è stato. A Gennaio i dati dell’Osservatorio FCP-Assoradio mostrano per le Concessionarie associate un fatturato al +11,8%, dato più che positivo. Lo è maggiormente se consideriamo che il mese di gennaio 2019 aveva registrato un +2,0%. A Gennaio tra i settori che hanno investito maggiormente sul mezzo si distinguono per la loro crescita in secondi rispetto allo stesso mese del 2019 “Automobili +27%, Telecomunicazioni +39%, Farmaceutici sanitari +42%, Abitazione +47%”.
Così Fausto Amorese, presidente di FCP (Federazione Concessionarie Pubblicità)-Assoradio a riguardo della grande performance pubblicitaria della radiofonia ad inizio anno.

Ma la comparsa del Cigno Nero, butta tutto all’aria

Tuttavia i risultati positivi rischiano di essere vanificati dagli effetti dell’epidemia Coronavirus che sta già avendo pesanti effetti sull’economia italiana.
“Da lunedì è un susseguirsi di disdette o richieste di sospensione di programmazione di campagna pianificate da clienti nazionali“, ci fa sapere un esponente di una importante concessionaria pubblicitaria che ovviamente preferisce mantenere l’anonimato. “Se l’emergenza non rientra velocemente, dovremo rivedere al pesante ribasso tutte le proiezioni sul 2020″, conclude la fonte. (E.G. per NL)

foto antenne di Floriano Fornasiero

printfriendly pdf button - Radio. Benissimo pubblicità nazionale a gennaio 2020: quasi +12%. Ma epidemia Coronavirus rischia di vanificare il risultato conseguito