Home Radio e TV Radio, indagine ascolto: Sinisi difende a spada tratta TER, “società neutrale, trasparente,...

Radio, indagine ascolto: Sinisi difende a spada tratta TER, “società neutrale, trasparente, di qualità e affidabile”

SHARE
Nicola Sinisi, TER, Tavolo editori radio, indagine

Con una lettera aperta pubblicata sul quotidiano Italia Oggi, Nicola Sinisi, presidente uscente del Tavolo Editori Radio ha voluto rimarcare la ritenuta affidabilità scientifica e la neutralità dell’ultima indagine sui risultati delle emittenti radio nel periodo da maggio a dicembre 2017.
Innanzitutto Sinisi, da un lato, ha messo in evidenza come i due istituti utilizzati – Gfk e Ipsos – data la loro primazia, necessariamente garantiscano obiettività e trasparenza alle due ricerche 2017 e 2018; dall’altro lato, ha sottolineato che attività di analisi e controllo sulle rilevazioni effettuate sono state commissionate alla società di consulenza Reply Consulting, ad ulteriore conferma dell’attendibilità dei dati della ricerca.

A seguire, il presidente dimissionario si è così espresso: “L’indagine 2017 (analogamente all’Indagine 2018) risulta soggetta alla vigilanza di Agcom e le metodologie di rilevazione […] sono state oggetto di specifico deposito presso la stessa Agcom, conformemente alle vigenti disposizioni normative e regolamentari ed a presidio della massima obiettività e trasparenza”. Si tratta, quindi, di una metodologia sottoposta a molteplici vagli, indirizzati tutti a fare in modo che l’analisi che ne emerge possa essere specchio fedele della situazione del mercato radiofonico italiano e possa essere, altresì, incontestabile da parte degli operatori. Infine, Sinisi rimarca ciò che è la missione del TER, ossia “garantire la massima neutralità, trasparenza, qualità ed affidabilità scientifica e statistica delle indagini commissionate”.
Pertanto, a suo avviso, devono essere necessariamente ridimensionate le critiche mosse all’indagine. Ciò nonostante, rimane la considerazione di una sempre possibile perfezionabilità: come avevamo messo in risalto in un precedente articolo, il metodo CATI (Computer-Assisted Telephone Interviewing), pur nella sua bontà, potrebbe nel breve periodo dimostrarsi poco adatto al mondo radiofonico che, con l’evoluzione tecnologica, sta sempre più spostandosi verso la Radio 4.0. (G.C. per NL)