Tlc. Emendamento 101-bis alla Legge di Bilancio per la riduzione dei contributi per i diritti d’uso

sistema integrato delle comunicazioni

Il deputato Michele Gubitosa (M5S) ha presentato un emendamento alla Legge di Bilancio (101-bis) che mira a ridurre i contributi per la concessione dei diritti di uso delle frequenze licenziate, a favore dei piccoli e medi operatori delle tlc.
“Il costo delle frequenze punto punto provoca una distorsione del mercato. Il meccanismo di sconto sulle quantità, secondo il quale più clienti un operatore ha e più sconto ha sulle frequenze, provoca una differenza del 400% tra il contributo amministrativo pagato da un piccolo operatore e quello pagato da un grande utilizzatore dello stesso identico bene pubblico”, spiega Dino Bortolotto, presidente di Assoprovider, ente associativo che ha promosso l’emendamento poi presentato da Gubitosa. Che sottolinea: “A questo si aggiunge un altro aspetto preoccupante, i contributi amministrativi risultano i più alti d’Europa, ben 10 volte maggiori di quelli richiesti per altri Paesi”.

L’emendamento 101-bis

L’emendamento alla Legge di Bilancio presentato dal deputato Michele Gubitosa mira a ridurre il contributo per le frequenze licenziate, per le imprese che erogano il servizio a utenti finali in numero pari o inferiore ai 50mila. In particolare, ecco come si divideranno i costi delle frequenze, secondo l’emendamento:
1) Euro 2 per ogni MHz nella gamma di frequenza superiore ai 14 Ghz. 2) Euro 4 per ogni MHz nella gamma di frequenza tra un valore pari o inferiore a 14 Ghz e un valore pari o superiore a 10 GHz; 3) Euro 8 per ogni MHz nella gamma di frequenza tra un valore inferiore 10 GHz e un valore pari a 6 GHz; 4) Euro 16 per ogni MHz nella gamma di frequenza inferiore a 6 GHz.”

101-bis misura necessaria

“Speriamo che le forze politiche siano pronte ad appoggiare questo emendamento che ha già incontrato il favore non solo degli operatori, ma anche di authority, come Agcom. Si tratta di una misura necessaria, ancora più oggi, in un momento delicato del Paese che ha bisogno, sia lato aziende che privati, di più digitalizzazione”, continua Bortolotto.

Rivoluzione del mercato tlc

Secondo Assoprovider, se l’emendamento passasse si assisterebbe a una vera rivoluzione del mercato delle tlc in Italia, favorendo i piccoli e medi player che potranno offrire una connessione di maggiore qualità nelle cosiddette aree a fallimento di mercato.
Potrebbero altresì essere creati nuovi posti di lavoro e salvaguardati gli esistenti, risolvendo in una sola volta tanti problemi del comparto, tra cui quelli delle aziende produttrici di apparati che oggi non riescono a venderli a terzi, proprio a causa della soglia alta dei contributi.

La richiesta a Patuanelli

Lo scorso mese, l’associazione aveva già inviato una lettera al Ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, chiedendo l’estensione dello sconto del 75% sull’uso delle frequenze, anche agli operatori con meno di 50mila utenti.
“Chiediamo al Ministro di intervenire urgentemente per rendere un bene pubblico le frequenze licenziate che sono uno strumento realmente disponibile per combattere il digital divide e per porre fine alla enorme distorsione alla concorrenza tra grandi operatori nazionali e piccoli operatori locali”, conclude l’esponente di Assoprovider. (E.L. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Tlc. Emendamento 101-bis alla Legge di Bilancio per la riduzione dei contributi per i diritti d'uso

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL