CNT Informa n. 27 – Pubblichiamo un estratto del nuovo numero del bollettino del Coordinamento Nazionale Televisioni

TV: frequenze, 20 quesiti dall’UE sul caso Rete4 e sul Dtt – DTT: switch off, Romani e Calabrò d’accordo all’anticipo – Utelit chiede chiarezza sul digitale Rai – TV: De Agostini acquista Zodiac Television


TV: FREQUENZE, DALL’UE 20 QUESITI PER L’ITALIA
CHIESTI CHIARIMENTI SUL CASO RETE4 E SUL DTT

I servizi della Concorrenza della Commissione Europea hanno inviato al governo italiano venti quesiti che riguardano il contenzioso tra Bruxelles e Roma sulla Legge Gasparri. L’ Ue vuol far chiarezza sull’attuale distribuzione delle frequenze nel settore delle emittenti televisive in Italia, capire quale sarà la situazione dopo il passaggio al digitale terrestre e se sia sufficiente l’obbligo, per Rai e Mediaset, di lasciare libero il 40% della capacità trasmissiva ad altri operatori, per evitare che il duopolio finora esistente nell’analogico si riproduca anche nel digitale terrestre. La Commissione vuole anche sapere come e quando l’Italia “porrà fine” alla situazione anomala di una rete Tv (Rete4) che, sebbene priva della concessione, è stata autorizzata a continuare a trasmettere malgrado l’obbligo di trasferimento sul satellite.

DTT SWITCH OFF ALLA FINE DEL 2010
ROMANI E CALABRO’ D’ACCORDO ALL’ANTICIPO

Come già anticipato nel numero scorso del CNT-Informa, sia il governo che l’Agcom puntano ad anticipare il completo passaggio dalla tv analogica a quella digitale in Italia, ora previsto per la fine del 2012. “Entro il 9 di settembre presenteremo un piano per la completa digitalizzazione del territorio nazionale – ha annunciato il Sottosegretario allo Sviluppo Economico con delega alle Comunicazioni Paolo Romani – come previsto dalla legge recentemente approvata dal Parlamento. In quel documento saranno definite le aree e la tempistica dei vari ‘step’ che porteranno al passaggio dall’analogico al digitale. Credo che dopo aver fatto questo lavoro si potra’ decidere una data per lo switch off che sia prima del 2012”. L’ipotesi potrebbe essere quella di ‘tagliare’ due anni fissando il termine alla fine del 2010. Anche per il presidente dell’Agcom “il 2012 e’ una data troppo lontana”. Romani ha annunciato che il passaggio successivo dovrebbe riguardare poi ”la grande Lombardia, quella macro-area – ha spiegato il sottosegretario – che va da Alessandria a Verona e che coinvolge 12 milioni di italiani”. Una volta digitalizzata un’area cosi’ vasta il resto d’Italia dovrebbe seguire senza problemi, permettendo quindi un’accelerazione dello switch off rispetto ai tempi finora definiti. La strada indicata dal Sottosegretario e’ comunque quella seguita in Sardegna.

AGCOM IES – INFORMATIVA ECONOMICA DI SISTEMA
IL 31 LUGLIO SCADE IL TERMINE PER LA PRESENTAZIONE

Il 31 luglio scade il termine per la presentazione all’Agcom della IES (Informativa Economica di Sistema). Si tratta, come noto, di una dichiarazione periodica cui sono obbligati i soggetti esercenti l’attività di radiotelevisione, le imprese concessionarie di pubblicità, le imprese di produzione o distribuzione di programmi radiotelevisivi, le imprese editrici di giornali quotidiani, periodici o riviste, le agenzie di stampa di carattere nazionale, i soggetti esercenti l’editoria elettronica e digitale, così come definiti all’art. 2, comma 1, del regolamento per l’organizzazione e la tenuta del registro degli operatori di comunicazione, adottato con delibera 236/01/CONS e riguarda i dati anagrafici ed economici sull’attività svolta dagli operatori interessati. L’informativa consente all’Agcom di raccogliere gli elementi necessari per adempiere a precisi obblighi di legge, quali la verifica delle posizioni dominanti in ambito radiotelevisivo ed editoriale e l’aggiornamento della base statistica degli operatori di comunicazione.

UTELIT CHIEDE CHIAREZZA SUL DIGITALE RAI

Il Presidente Utelit, Rocco Monaco, interviene rispetto alla questione del digitale della Rai: “Utelit è molto preoccupata per lo scenario deliberato con la transizione al digitale in Sardegna” rileva Monaco, che prosegue “infatti ci è giunta notizia che la Rai e Mediaset passerebbero dai cinque attuali a ventiquattro canali televisivi ciascuna, quindi ventiquattro reti. Se attualmente la Rai, con tre reti, dispone di tre strutture e tre direttori di testata, Viale Mazzini come intende gestire il nuovo scenario? Non riusciamo a credere alla possibilità, stando alla logica attuale, che ci possano essere ventiquattro direttori di testata e ventiquattro strutture diverse. Ricordiamo che l’attuale esperienza della Rai nel digitale si sta rivelando fallimentare. Gli indici di ascolto collocano infatti quella programmazione tematica al di sotto della più piccola televisione locale. Chiediamo quindi di conoscere come la Rai intende procedere nell’organizzare la programmazione sui nuovi canali digitali, ricordando che Utelit considera prioritario evitare gli sprechi, in particolar modo nei compensi, e valorizzare le professionalità autentiche rispetto alla pratica deleteria delle raccomandazioni a qualsiasi livello”. Il Presidente di Utelit fa inoltre riferimento al caso del riammesso direttore di Rai Fiction, Agostino Saccà: “rispettiamo la sentenza della Magistratura, ma prendiamo atto che è molto discutibile da parte di Saccà ripresentarsi in Rai dopo tutto ciò che sta emergendo anche rispetto ai fatti di questi giorni. Avremmo preferito un atteggiamento di sobrietà come l’autosospensione o le dimissioni, anche perché diventa difficile, da parte dei teleutenti, considerare al di sopra di ogni sospetto l’attuale attività in Rai. Sembra inoltre, stando all’interpretazione di alcune notizie, che la Rai non abbia fatto pervenire alla Magistratura degli elementi completi per valutare la situazione. Per questa ragione, Utelit sta considerando, insieme ai suoi legali, se è opportuno costituirsi parte civile nei procedimenti che dovessero eventualmente emergere”.

DTT FREQUENZE, ASSEGNAZIONE 40% BANDA TRASMISSIVA
ECCO ALCUNE DELLE 17 SOCIETA’ IN LISTA

Gli stranieri di Disney, Time Warner, Nbc Universal, e Air-plus; gli italiani di Sitcom, Anica e Class Editori; le locali Telelombardia, Antenna 3 e Altitalia Tv. Sono alcune delle 17 società che hanno presentato domanda all’Autorità per le comunicazioni per “affittare” da Rai, Mediaset e TiMedia il 40% della banda trasmissiva che i broadcaster metteranno a disposizione sul digitale terrestre.Entro il 13 luglio, un’apposita commissione di esperti(nominata di concerto tra Agcom e MinCom)valuterà i requisiti di ammissione; entro il 23 agosto, selezionerà i vincitori.

TV OPERAZIONI DI ACQUISIZIONE
DE AGOSTINI ACQUISTA ZODIAC TELEVISION

La De Agostini ha acquistato la Zodiac Television, società format tv svedese, attraverso la Kaidoz, societa’ controllata da Dea Cont (gruppo De Agostini, appunto). La Kaidoz, che aveva annunciato il 26 maggio un’offerta pubblica a azionisti e possessori di obbligazioni convertibili Zodiak Television, ha ottenuto adesioni pari al 96,63% di tutte le azioni, il 95,57% delle obbligazioni convertibili e il 96,63% dei diritti di voto della stessa Zodiak.

DTT IL CASO DELLE TESSERE MEDIASET PREMIUM
DISPONIBILI I MODULI PER IL RECUPERO CREDITO

In ottemperanza alla legge 40/2007 denominata “Legge Bersani”, tutti i clienti Mediaset Premium con tessera scaduta il 30 Giugno (presente sul retro della stessa) potranno fino al 31 ottobre richiedere il trasferimento del credito residuo non consumato o la restituzione dello stesso in denaro.

TV SAT NEL 2009 UN NUOVO TELEPORTO IN SARDEGNA
EUTELSAT HA PRESENTATO SKYLOGIC MEDITERRANEO

La Regione Sardegna, prima area italiana all digital, ospiterà un nuovo teleporto internazionale, simbolo dell’innovazione e dell’avanguardia nelle telecomunicazioni via satellite. Skylogic Mediterraneo sarà una grande e innovativa infrastruttura, operativa a partire dai primi mesi del 2009, che offrirà nuove opportunità per il mercato delle TLC e della Televisione in tutto il bacino del Mediterraneo. Questo nuovo teleporto, situato a Macchiareddu, sarà in grado di fornire una varietà di servizi video – broadcasting, contribuzione, gestione di piattaforme Tv, servizi di playout (mixaggio di palinsesti delle emittenti televisive e cripttaggio) costituendo così il futuro polo dei servizi video a valore aggiunto di Eutelsat, nonché un’infrastruttura di reti per la trasmissione di dati – trunking e IP. Saranno inoltre disponibili servizi di broadcasting e bidirezionali per terminali mobili in banda S. Il Teleporto sarà anche dotato di grandi antenne per fornire collegamenti con l’Africa attraverso i nuovi satelliti di Eutelsat in banda C (4-6 GHz).

AGCOM DIRITTI AUDIOVISIVI SPORTIVI E RIPARTIZIONE RISORSE
PUBBLICATO IL REGOLAMENTO IN MATERIE ISTRUTTORIE

E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 148 del 26/06/08 la Delibera dell’Agcom n. 307/08/CONS relativa al Regolamento in materie istruttorie e accertamento per le attività dell’Agcom ex dl 9/08 “Disciplina della titolarità e della commercializzazione dei diritti audiovisivi sportivi e relativa ripartizione delle risorse”.

C.N.T. – Coordinamento Nazionale Televisioni – SEDE LEGALE: P.zza Municipio, 80 – 80133 Napoli SEDE OPERATIVA: Via Bari, 19 – 72013 Ceglie Messapica TEL. 337941697 TEL e FAX. 0804839707
SITO INTERNET: www.coordinamentonazionaletelevisioni.it
EMAIL: info@coordinamentonazionaletelevisioni.it
Direttore Costantino Federico
Reg.Tribunale di Napoli N. 4/07 del 17/01/2007
SEDE: P.zza Municipio, 80 – 80133 NAPOLI
TEL.337941697 – FAX:0818383118 – 0831377510

printfriendly pdf button - CNT Informa n. 27 - Pubblichiamo un estratto del nuovo numero del bollettino del Coordinamento Nazionale Televisioni
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - CNT Informa n. 27 - Pubblichiamo un estratto del nuovo numero del bollettino del Coordinamento Nazionale Televisioni

Lifegate, Roveda: siamo l’opposto di una radio commerciale. Ma non siamo comunitari

IN ARRIVO