Editoria. Lo studio Mediobanca: editoria cartacea da’ segni di ripresa. E Rcs supera Mondadori. Il settore reagisce ai tempi difficili

Mediobanca

Sembrerà, strano ma il settore editoriale cartaceo mostra segni di ripresa: l’indagine dell’Area Studi Mediobanca R&S sui principali otto gruppi editoriali italiani rivela infatti che, dopo l’accumulo di 1,2 miliardi di euro di perdite nette nel quinquennio 2013-2017, proprio a partire dal 2017 gli editori hanno cominciato a registrare significativi incrementi degli utili netti e della redditività aggregata.
In ordine per fatturato, lo studio Mediobanca mostra le performance degli otto gruppi osservati a partire dal 2013 fino a Settembre 2018: Mondadori (1268 mln di euro), Rcs (896 mln), Gedi (634 mln), Sole 24 Ore (230 mln), Monrif-QN (153 mln), Caltagirone Editore (138 mln), Cairo Editore (89 mln), Class Editori (62 mln).

Come anticipato, eccezion fatta per Cairo Editore che è l’unico esempio di chiusura in positivo con +38 milioni di euro, il quinquennio 2013-2017 è stato emorragico per tutto il comparto. Dalla fine del 2017, però, Rcs ha registrato un utile netto di 71 milioni di euro, con un deciso miglioramento rispetto ai 4 milioni del 2016. Così anche Mondadori a quota 30,4 milioni (22,5 mln nel 2016) e Sole 24 Ore con 7,5 mln (rimbalzo notevole dopo il crollo a -92,6 mln del 2016). Sul versante della redditività industriale a livello aggregato spicca ancora la performance di Cairo Editore (12,4%) seguita da Rcs (10,8%) e Gedi (5,8%). Ancora positiva nel 2018, l’ebitda di tutte le principali società editoriali è del 5,3% (+ 1,2% rispetto al 2017).

I nove mesi del 2018 considerati nello studio, però, oltre confermare una generale flessione dei fatturati delle principali aziende editoriali italiane, hanno portato anche un’altra novità, ossia la conquista del primo posto per fatturato da parte di Rcs (713 milioni di euro) a discapito di Mondadori (658 milioni di euro).
I segnali positivi, però, non sono sufficienti a rischiarare le ombre della diminuzione delle vendite. Bisogna considerare, infatti, che sebbene quasi il 90% provenga ancora dalla carta stampata, nel quinquennio 2013-2017 le copie cartacee vendute sono calate del 40,5% (a 2,2 milioni al giorno) e le copie digitali non colmano il gap delle vendite. La diffusione complessiva dei quotidiani italiani rappresenta lo 0,4% di quella mondiale; per fare un paragone, meno della somma del primo quotidiano tedesco e quello britannico. (V.D. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Editoria. Lo studio Mediobanca: editoria cartacea da' segni di ripresa. E Rcs supera Mondadori. Il settore reagisce ai tempi difficili

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL