Media. A Luglio 2021 la raccolta pubblicitaria ha tirato secondo Nielsen: quasi +7%. Ma non per tutti: ecco chi performa e chi va in affanno

nielsen investimenti luglio 2021 1 - Media. A Luglio 2021 la raccolta pubblicitaria ha tirato secondo Nielsen: quasi +7%. Ma non per tutti: ecco chi performa e chi va in affanno

A luglio 2021 gli investimenti pubblicitari in Italia sono andati (abbastanza) bene: complessivamente + 6,9% vs 2020,  per un complesso sui sette mesi del 2021 al +23,1%, che sale al 24%  se si esclude dalla raccolta web la stima Nielsen sul search, social, classified (annunci sponsorizzati) e dei cosiddetti Over The Top (OTT). Ma, in ossequio alla regola del poeta Trilussa, secondo cui tra chi mangia due polli e chi nessuno, la statistica stabilisce pari sazietà con un pollo cad., se la tv è crescita del 10,8% a luglio 2021 e del 30,5% sui sette mesi, ad abbattare la percentuale ci pensa la stampa con i quotidiani. Che a luglio sono calati del 7,6 (i primi sette mesi +6,6%) e i periodici del 4,4% (nei sette mesi +2.9%). Frena anche la Radio, che a luglio scivola al -4,9%, sebbene il saldo dall’inizio dell’anno rimanga ampiamente in positivo (+16,8%).

Recuperato quasi tutto quello che era andato perso nel 2020

“Il mese di luglio conferma la crescita rispetto al 2020, in ripresa dopo i quattro drammatici mesi del lock-down. In riferimento all’ultimo anno pre-Covid, il 2019, grazie all’andamento positivo di luglio, il gap si riduce ulteriormente (-0,4%), arrivando a recuperare quasi completamente quanto perso nei primi sette mesi del 2020“, sottolinea Alberto Dal Sasso, AIS Managing Director di Nielsen.

nielsen investimenti luglio 2021 - Media. A Luglio 2021 la raccolta pubblicitaria ha tirato secondo Nielsen: quasi +7%. Ma non per tutti: ecco chi performa e chi va in affanno

 

Trilussa docet

Ma, in ossequio alla regola del poeta Trilussa, secondo cui tra chi mangia due polli e chi nessuno, la statistica stabilisce pari sazietà con un pollo cad., se la tv è crescita del 10,8% a luglio 2021 e del 30,5% sui sette mesi, ad abbattare la percentuale ci pensa la stampa con i quotidiani. Che a luglio sono calati del 7,6 (i primi sette mesi +6,6%) e i periodici del 4,4% (nei sette mesi +2.9%).

Radio con volume abbassato

Frena anche la radio, che a luglio scivola al -4,9%. Sebbene il saldo dall’inizio dell’anno  rimanga ampiamente in positivo (+16,8%).

W WWW

Di molto sopra la media l’intero universo del web advertising, che nei primi sette mesi dell’anno chiude in aumento del 22% (+25,8% se si considera il solo perimetro Fcp AssoInternet).

Out out of home

Ancora in territorio negativo l’Out of home nel periodo gennaio-luglio, con Transit a -20,3% e Go TV  a -1,2%, anche se a luglio tali mezzi hanno mostrato tendenze alla ripresa. Abbastanza bene sui 7 mesi, invece, l’Outdoor (+6,1%) e il Direct mail (+11,1%), mentre i  fatturati del cinema non sono ancora disponibili.

Big spender

Interessante lo spaccato degli investitori. Tra i 15 settori merceologici in crescita a luglio 2021, il superperfomer è stato l’abbinata Media/Editoria (+110,3%), seguita da Distribuzione (+35,6%), Alimentari (+21,9%) e Bevande/Alcoolici (+29,3%) che hanno contribuito con quasi 33 milioni alla crescita del mese. Sui 7 mesi si registrano importanti investimenti di alimentari (+15,1%), automobili (+26,5%), distribuzione (52,3%) telecomunicazioni (+21,2%) e bevande/alcoolici (+26,4%). (E.L. per NL)

printfriendly pdf button - Media. A Luglio 2021 la raccolta pubblicitaria ha tirato secondo Nielsen: quasi +7%. Ma non per tutti: ecco chi performa e chi va in affanno
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Media. A Luglio 2021 la raccolta pubblicitaria ha tirato secondo Nielsen: quasi +7%. Ma non per tutti: ecco chi performa e chi va in affanno

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL