Pay tv. Le statunitensi crollano sotto il peso del Covid-19. Primo trimestre 2020 calo di 2 mln di abbonati negli USA. Ma la crisi era annunciata

statunitensi

Davanti alla crisi causata dal Covid-19 anche il mondo delle pay tv statunitensi trema.
I dati del primo trimestre del 2020 hanno rilevato che i principali operatori hanno perso complessivamente circa 2 mln di abbonati.

Le cause e i numeri della crisi

Gli eventi sportivi – che per la maggior parte delle pay tv statunitensi rappresentano l’unico format in grado di competere nel mercato – sono stati annullati. I luoghi di aggregazione per la visione di questi eventi sono stati chiusi, con il conseguente e drastico annullamento di migliaia di account commerciali. Molte nuove offerte, imbattibili per qualità e quantità, sono state lanciate da parte di Netflix, Disney+, Prime video e dalle altre principali piattaforme di video streaming on demand.
Tutto ciò ha portato ad un risultato negativo mai registrato prima.
Nello specifico in questo trimestre At&t e la sua Direct tv hanno perso più di un milione di abbonati, Dish Network ha subito una riduzione di 413 mila utenti e Comcast è sceso di 409 mila sottoscritti, segnalando in un solo trimestre più della metà del proprio calo totale del 2019.

Un crollo già annunciato

La situazione delle pay tv statunitensi era critica già da alcuni anni. La condizione causata da questa emergenza sanitaria e tutto ciò che ne è conseguito sono stati solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Nell’arco di tre anni (secondo trimestre 2017 – primo trimestre 2020) Direct tv di At&t ha perso il 25% degli abbonati, Dish Network il 15%, Comcast quasi il 10% e Charter oltre il 5%.

E la tv tradizionale?

Anche la televisione tradizionale sta affrontando un momento di profonda crisi, come dimostra la situazione della Bbc. Tra novembre 2019 e marzo 2020 sono state 82 mila le famiglie nel Regno Unito ad annullare il proprio abbonamento – e di conseguenza il canone –  alla Bbc. Con questa perdita gli abbonati del servizio nazionale sono scesi a quota 25,5 mln, la più bassa dall’anno 2014. (N.S. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Pay tv. Le statunitensi crollano sotto il peso del Covid-19. Primo trimestre 2020 calo di 2 mln di abbonati negli USA. Ma la crisi era annunciata

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL