Radio 4.0. Pandora, crescono i ricavi ma anche i costi. Va male l’advertising. Pesanti costi di acquisizione contenuti

Pandora dashboard - Radio 4.0. Pandora, crescono i ricavi ma anche i costi.  Va male l’advertising. Pesanti costi di acquisizione contenuti

I conti non tornano per Pandora, piattaforma online di musica in formula freemium (un funzionamento simile a Spotify, con una parte del servizio gratuita e un’altra premium a pagamento) per ora disponibile solo negli Stati Uniti.
Nonostante i ricavi totali siano aumentati da 1,38 miliardi di dollari del 2016 a ben 1,46 miliardi nel 2017, sembra che le perdite crescano molto più velocemente: da 343 milioni dello scorso bilancio, a 518,3 milioni di dollari nell’ultimo anno.

Le perdite sono state più contenute nell’ultimo trimestre del 2017, “solo” 45 milioni di dollari, circa la metà rispetto al 2016. Solo in questo periodo Pandora è riuscita ad aumentare i propri ricavi di ben 7 punti percentuali, guadagnando 395,3 milioni di dollari. La maggior parte di questi introiti è probabilmente dovuta al sensibile aumento delle sottoscrizioni al servizio a pagamento: rispetto al 2016, nell’ultimo trimestre dello scorso anno gli abbonamenti Pandora Plus e Premium sono aumentati del 63% (sono ora 5,48 milioni), creando un flusso di entrate per 97,7 milioni di dollari.

C’è però un grosso grattacapo che Pandora non riesce a risolvere: i costi di acquisizione dei contenuti che, se nel 2016 ammontavano a 734,3 milioni di dollari, nel 2017 sono lievitati a 804 milioni di dollari. Il problema più grande della piattaforma, cioè, sta nel fatto che più utenti usano il prodotto, riproducendo i brani disponibili, più la società deve sborsare per farli ascoltare. Una situazione davvero anti economica, in cui è la stessa piattaforma ad auto-cannibalizzarsi.

E, per la prima volta, non sono di aiuto neppure le entrate pubblicitarie. Di solito l’ultimo trimestre è il migliore per la raccolta pubblicitaria dei media del settore radiofonico, ma non è stato così nel 2017 per Pandora: i guadagni derivanti dall’advertising ammontano a 297,6 milioni di dollari, cioè 15,7 milioni in meno rispetto allo stesso periodo del 2016. Se si considera che questo calo è avvenuto in un momento di prosperità del mercato pubblicitario nel settore streaming audio, il risultato è ancora più preoccupante.
Bisognerà attendere per vedere se il rinforzo di capitali ed energie arrivato dall’acquisto di parte delle quote da parte di Sirius XM e gli investimenti strategici in piattaforme di programmatic advertising pensate per l’audio streaming in-car riusciranno a dare un nuovo slancio e linfa vitale a Pandora. (P.B. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Radio 4.0. Pandora, crescono i ricavi ma anche i costi.  Va male l’advertising. Pesanti costi di acquisizione contenuti

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL