Home News Ticker Tv Tv locali. Arriva in Umbria E’ Tv alla numerazione 14, mentre Tele...

Tv locali. Arriva in Umbria E’ Tv alla numerazione 14, mentre Tele Galileo passa al 115. Un nuovo concorrente per Umbria Tv, Tef, Trg e Retesole

SHARE
E' Tv

C’è una novità di rilievo nell’etere televisivo umbro, poiché da poco meno di due mesi la numerazione 14 Lcn non ospita più (soprattutto a Terni) i programmi di Tele Galileo, bensì, in tutta la regione, quelli di E’ Tv Umbria (inserita nel capillare mux di Umbria Tv), ovvero quella che al momento è a tutti gli effetti una ‘succursale’ (per ora senza programmi autonomi) di E’ Tv Marche, che nella sua regione occupa invece il canale 12 (ma anche nelle Marche, specularmente, è ora comparso un canale contrassegnato appunto come E’ Tv Umbria).
La situazione sembra complessa ma, alla fine, non pare poi esserlo e la sostanza è che E’ Tv Marche conquista così una nuova regione limitrofa alla sua, dove ha iniziato ora a diffondere i suoi programmi, basati (come da autopresentazione) su informazione, cronaca, politica, attualità, economia, enogastronomia, curiosità, con tanta autoproduzione. Il tutto fa ovviamente riferimento adesso alla regione Marche e non all’Umbria ma il fatto che sia stato inaugurato un nuovo marchio autonomo, con un’ottima diffusione in Umbria, sembra indicare che l’intenzione sia quella di arrivare ad avere sede e produzione anche qui.

Diventano così tre le regioni coinvolte nelle attività di È Tv, poiché oltre a Marche e Umbria c’è naturalmente anche l’Emilia-Romagna con l’originaria società Rete 7 di Bologna. E in Emilia-Romagna È Tv (forte soprattutto nel capoluogo regionale) è leader di ascolti: nelle rilevazioni di settembre precede di poco 7 Gold Sestarete, mentre Trc (che da poco ha un assetto più chiaro con canali ben distinti fra Modena e Bologna) ha a sua volta ottimi ascolti ma per ora ancora distinti come Trc e Trc Telemodena (vedremo se queste denominazioni, non più attuali, verranno cambiate in Auditel nel 2019). Ma È Tv va bene anche nelle Marche, dove in Auditel è preceduta solo da Tv Centro Marche e Tvrs.
Tutto il compendio, che sembra in fase di deciso rilancio (anche appunto con l’iniziativa di È Tv Umbria), fa capo da circa due anni al gruppo Baronio, ovvero quello lombardo di Telecolor, Primarete e Telereporter, che è intervenuto acquisendo È Tv dal gruppo Spallanzani quando le emittenti emiliana e marchigiana versavano in serie difficoltà; il passaggio di consegne è stato in effetti piuttosto complicato, soprattutto in Emilia-Romagna, dove si sono anche ‘separate’ da È Tv nel tempo prima la Curia bolognese, che ha creato Nettuno Tv (99 Lcn), e poi la ‘parte reggiana’ (di Reggio Emilia) che fa riferimento ai marchi Medianews e soprattutto TeleTricolore.

Ma ora quei tempi difficili sembrano superati, È Tv si lancia in nuove iniziative e nei suoi palinsesti sono stati ora inseriti anche film del filone ‘sexy all’italiana’ e della serie di ‘Pierino’, che funzionano sempre per attrarre l’attenzione ma certamente erano impensabili quando i legami del gruppo con il mondo cattolico erano saldi e ben definiti.

Ma torniamo all’Umbria. A salutare i nuovi telespettatori di E’ Tv Umbria è stato uno dei programmi più popolari di E’ Tv Marche, ovvero il mattutino ‘Buongiorno È Tv’. Come da annuncio delle scorse settimane, infatti, “‘Buongiorno Marche’ cambia nome e diventa ‘Buongiorno È Tv’. La popolare trasmissione del mattino… risponde così a un’esigenza divenuta necessaria, soprattutto negli ultimi mesi, per via dei dati d’ascolto, in costante crescita, e della diffusione sempre maggiore del programma, anche fuori regione. ‘Buongiorno Marche’, da martedì 2 ottobre, (è) ufficialmente in onda anche sul canale 14 di È Tv Umbria… Il fortunato programma nasce nel lontano 2005 su intuizione di Franco Grasso, compianto coordinatore di È Tv canale 12 e primissimo conduttore della trasmissione. L’obiettivo, perseguito ancora oggi, (è) quello di tenere compagnia alla gente, ogni mattina dalle 7 alle 9, con un mix di news, ospiti, rassegna stampa, meteo e viabilità, tutto rigorosamente in diretta”.

Si diceva di Tele Galileo, ‘estensione televisiva’ della nota emittente ternana in Fm Radio Galileo: non è scomparsa ma ora trasmette solo sul 115. L’ha annunciato la stessa emittente umbra: “Stiamo lavorando per offrire ai telespettatori un servizio di sempre maggiore qualità. La nostra infrastruttura si sta infatti spostando verso tecnologie “video over Ip” e sarà, a breve, completamente digitale, per giungere preparata al passaggio alla seconda generazione del digitale terrestre… Per questo, dallo scorso primo ottobre, i programmi di Tele Galileo sono visibili – 24 ore al giorno – solamente sul canale 115”.
In Umbria la numerazione da 10 a 19 è stata assegnata come di seguito indicato. Al 10 c’è la primatista storica di ascolti Umbria Tv, che ritrasmette anche i programmi sportivi di 7 Gold; all’11 c’è Trg – Tele Radio Gubbio, che continua, dopo alcune recenti difficoltà, la sua intesa produzione soprattutto a carattere informativo per tutta la regione. Al 12 ecco la grande rivale di Umbria Tv (abbiamo scritto di recente della ‘contesa’ sul Perugia calcio), ovvero Tef, che da parte sua, sul versante sportivo nazionale, si collega talora con i programmi di successo della lombarda Mediapason (QSVS, Top Calcio, Telelombardia ecc.). Al 13 c’è invece Retesole, Tv (anche) romana ma attivissima in questa sua regione originaria (è erede anche della storica Teleumbria), con tg, rubriche, programmi di vario tipo e genere: si segnalano così anche l’ospitalità offerta a programmi prodotti in singole zone del territorio (con sigle come Tele Città di Castello, per fare un esempio) o un’iniziativa molto interessante come Retesole Cine Club (canale 611), che si occupa di spettacolo e cinema in modo molto attento e peculiare.

A seguire, dopo il 14 di E’ Tv Umbria, ci sono emittenti a carattere maggiormente locale, a partire, sul 15, da TrT Teleterni, emittente storica come poche altre in Italia, che però è ripartita solo da circa un anno, dopo che prima era successo un po’ di tutto: Teleterni era stata chiusa e nel 2015 era subentrata una società campana (con a capo Gianluigi Torino, solo parente del Paolo Torino di Canale 21) che le aveva cambiato il nome in UmbriaUno. Ma la nuova iniziativa era durata ben poco e si era tornati daccapo, senza programmi in onda e con serie vertenze sindacali per i dipendenti superstiti, fino a che nel 2017 un nuovo gruppo imprenditoriale ha dato il grande annuncio: «Riparte TrT Teleterni. Grazie a tutti per la collaborazione».

Al 16 abbiamo poi Tevere Tv e al 18 Rtua, mentre il 17 era stato assegnato alla romana T9, che, come noto, ha poi avuto molti problemi per conto proprio. Al 19, infine, opera la toscana Italia 7, da sempre forte anche in Umbria: dopo il recente fallimento, l’emittente è ora gestita, come si sa, dal gruppo Sciscione, che però ha destinato il canale umbro alla programmazione commerciale di Life 120, mentre chi fosse interessato alle notizie dalla Toscana può seguire il noto Tg24 (a rullo), del gruppo di Italia 7, sul canale 272.
Forte in Umbria è anche l’altra Tv toscana Rtv38, che però qui ha a disposizione solo la Lcn 72. Intanto, Rtv38 sembra aver rinunciato alla sua pay-tv erotica, a favore del nuovo canale di ‘sport estremi’ Tricks. (M.R. per NL)