Home Radio e TV Tv locali, Emilia-Romagna. Trc si sdoppia del tutto e raddoppia: da lunedì...

Tv locali, Emilia-Romagna. Trc si sdoppia del tutto e raddoppia: da lunedì la Tv modenese passa dal canale 15 all’11 e al 15 arriva quella bolognese

SHARE
ER24

Si apre con un importante cambiamento per la nota emittente Trc la nuova stagione televisiva delle Tv locali dell’Emilia-Romagna.
La stazione modenese Trc – acronimo dell’originario e storico TeleRadioCittà – , specializzata nell’informazione locale, infatti, passerà in Emilia dalla Lcn 15 alla inedita Lcn 11 a partire da lunedì 17 settembre. La novità è molto significativa, perché soprattutto a Modena la Tv fa da tempo il pieno di ascolti (al gruppo appartiene anche da molti anni l’altra storica sigla Vmt – Video Modena Telestar, mentre in Auditel quest’anno Trc è ancora iscritta anche come Trc Telemodena, dopo aver adottato anni fa questa sigla, in origine appartenente a una Tv rivale) e costituisce assieme a Telereggio (Lcn 14) la ‘punta di diamante’ del gruppo cooperativo TR Media, leader in Emilia-Romagna nel campo televisivo.

L’altra novità che esordirà sempre lunedì 17 settembre è però ancor più significativa: infatti al 15 ci sarà ancora Trc ma stavolta sarà Trc Bologna, ovvero l’emittente ‘sorella’ di quella modenese inaugurata qualche anno fa nel capoluogo regionale e finora rimasta un po’ in ombra rispetto ad essa. La ragione in realtà sembra semplice: nel pubblico è mancata una adeguata informazione rispetto all’esistenza di ‘due Trc’ diverse fra loro, pur essendoci telegiornali e programmi sportivi differenti, visto che il marchio era ed è lo stesso e soprattutto al 15 era possibile seguire finora Trc versione Modena, mentre Trc Bologna andava cercata su numerazioni molto superiori e spesso neppure troppo stabili, a occhio.
Con la nuova situazione – decisamente un po’ più chiara per i telespettatori – chi vorrà seguire ancora Trc Modena andrà dunque sulla nuova numerazione 11 e chi vorrà magari ‘scoprire’ Trc Bologna andrà sul 15.

Diciamo che una scelta simile adottata fin dall’inizio – con adeguata spiegazione e promozione, altresì, tenendo conto anche di una certa ‘rivalità’ fra le due città – avrebbe consentito a Trc Bologna di partire con ben altra lena, anche se probabilmente la cosa migliore sarebbe stata quella di adottare proprio una denominazione diversa per la nuova emittente felsinea del gruppo cooperativo (Coop Alleanza 3.0), perché Trc è e resta un marchio notissimo e popolare fra i modenesi, con appeal invece finora abbastanza scarso a Bologna. TR Media però, leader a Modena e Reggio, presente a Parma prima con Teleducato e ora con la nuova 12 Tv Parma (dopo l’unificazione di pochi mesi fa con Tv Parma) e in Romagna alleata con il gruppo Teleromagna, non poteva non essere presente anche a Bologna, anche se magari la partenza non è proprio stata con il piede giusto. In Auditel – si diceva – sono state infatti iscritte ancora nel 2018 Trc e poi anche Trc Telemodena (non Trc Bologna), cosa che lascia molti dubbi su chi segua cosa, tanto per capirci.

Il gruppo TR Media (presente anche sul satellite e su Sky), quanto a Lcn disponibili, non ha del resto problemi, avendo fatto man bassa di numerazioni negli ultimi tempi fra 10 e 15: al 10 resta tuttavia la più tradizionale Tv bolognese (pur concorrente di Trc), cioè È Tv – Rete 7, che, nonostante i problemi di questi anni, è sempre molto seguita dal pubblico; all’11 invece in Emilia ci sarà appunto Trc Modena (finora la numerazione a Bologna era inutilizzata, mentre a Reggio Emilia trasmetteva Youtivù, canale del gruppo di Telereggio), al 12 c’è 12 Tv Parma, da alcuni mesi, al 13 c’è 7 Gold – Sestarete (gruppo Ferretti), al 14 Telereggio, al 15 ci sarà Trc Bologna; poi ci sono al 16 Telestense (gruppo Bighinati di Telesanterno) e al 17, lasciato libero da Tv Parma, la nuova emittente È Tv Rete 17 (soprattutto a carattere commerciale, gestita da Publirose); infine, al 18, ecco Telesanterno e al 19 la modenese Qui Modena Tv (valida emittente concorrente di Trc, anche sul piano più legato alla politica e persino al calcio locale).
Altro elemento significativo: in Romagna, come accennato, l’11 è stato invece occupato da più di un anno da TR 24, emittente tutta informazione nata da un’alleanza fra il gruppo Teleromagna (Pubblisole) e proprio TR Media.

Un’altra concorrente di Trc Bologna è invece la ‘giovane’ Nettuno Tv (canale 99), di proprietà della Curia locale (che qualche tempo fa aveva ‘divorziato’ da È Tv) e legata alla radiofonica Radio Nettuno, marchio notissimo nella Fm bolognese (Trc e Telereggio hanno invece rinunciato da qualche anno al settore radiofonico, in cui pure erano presenti fin dall’origine). Nettuno Tv – va detto -, al di là delle trasmissioni a carattere religioso, ha saputo mostrare una buona capacità produttiva, con tutta una serie di validi programmi legati a Bologna e alla sua realtà. Importante poi anche l’alleanza, anche sul piano pubblicitario, messa in piedi con ‘Carlino Bologna’, il dorso locale del quotidiano ‘Il Resto del Carlino’, da sempre leader in città e provincia.
Un’ultima notizia: al 71 è sparita Telecentro, la terza rete (ormai decisamente ‘secondaria’) del gruppo Bighinati (in cui non mancano i problemi), lasciando spazio alla ‘calabrese’ Matrix Tv (Gruppo ADN Italia di Annibale Notaris). Telecentro si è spostata invece al 212 come Telecentro Odeon. A sua volta anche il gruppo Ferretti di 7 Gold ha le sue seconde e terze reti (a carattere regionale ma con qualche seguito soprattutto in Romagna), ovvero Rete 8 Vga e Nuova Rete, mentre la concorrenza di TR Media (e di Telereggio) a Reggio Emilia si chiama Teletricolore – Medianews e sembra ormai ‘slegato’ dalla (prima collegata) È Tv. (M.R. per NL)