Home Radio e TV Tv locali. Toscana: Tele Iride presenta il suo nuovo palinsesto. Da Tv...

Tv locali. Toscana: Tele Iride presenta il suo nuovo palinsesto. Da Tv del Mugello a emittente regionale comunitaria, in ottima posizione in graduatoria

Tele Iride

Riparte la stagione televisiva di Tele Iride, emittente toscana comunitaria con sede nel Mugello e con una dimensione che (in analogico) era prettamente a carattere locale.
Dall’epoca del passaggio alla Tv digitale in poi, però, Tele Iride ha invece assunto (sul canale 96 Lcn) una caratura regionale, diventando visibile in quasi tutta la Toscana (e talora anche oltre). Il nuovo palinsesto, che prende il via con il mese di ottobre, conferma la dimensione regionale, che comporta per forza di cose anche nuove più forti ambizioni.

Per lo sport, intanto, ci sono diverse novità con la nuova stagione: Elisa Sergi guiderà ‘Viola Express’, trasmissione dedicata alla ACF Fiorentina, mentre Giulia Meozzi seguirà l’Empoli Calcio con il ritorno di ‘A come Azzurro’. Anche la pallavolo quest’anno sarà protagonista: oltre alla messa in onda, in esclusiva toscana, di tutte le partite della Savino del Bene e del Bisonte Firenze, lo spazio del volley sarà arricchito da ‘ACE’, programma che seguirà le vicende della Serie A Femminile, condotto da Camilla Bencini. Non mancheranno i Tg sportivi guidati da Fabio Ferri, in collaborazione con Dario Baldi.

Per quanto riguarda i temi più propriamente politici, Andrea Vignolini tornerà con il nuovo programma ‘Check-in’, interamente dedicato all’attualità, con un occhio puntato su Firenze e sulle prossime elezioni amministrative. Giacomo Guerrini condurrà invece dal Mercato Centrale di Firenze la quarta stagione di ‘La Tara’, dialogando con i rappresentanti delle istituzioni e del tessuto economico toscano.
L’informazione tornerà poi ogni giorno, dalle 12.30 in poi, con il telegiornale realizzato da Chiara Elci e dalla redazione, fino al consueto appuntamento preserale con Alessio Poggioni e il suo ‘Telegram’, uno sguardo analitico sui principali temi all’ordine del giorno.

Infine, soprattutto nel weekend, ampio spazio sarà dato alla società e al lifestyle, con documentari e storytelling che racconteranno i tanti volti dello splendido territorio toscano.
Il nuovo palinsesto di Tele Iride è stato presentato nei giorni scorsi in grande stile sulla terrazza panoramica della Camera di Commercio di Firenze, alla presenza del sindaco della città Dario Nardella e di tutti i volti dell’emittente, che è capitanata dal presidente Giancarlo Grossi e dal direttore Marco Talluri.
Tele Iride, da oltre 40 anni in onda, trasmette, come si diceva, per la Toscana sul canale 96 del Digitale Terrestre, occupandosi di politica, sport, musica ed intrattenimento.

E ci sono altre recenti novità di rilievo per questa (ex) piccola emittente mugellana (dei media del Mugello questo periodico ha peraltro scritto anche in passato). Ne ha parlato, con toni magari un po’ enfatici, il periodico locale ‘Il Filo – Idee e Notizie dal Mugello’ il 31 maggio scorso: “C’era una volta la piccola emittente locale mugellana, che trasmetteva nei comuni del Mugello. Talvolta alla buona, ma comunque radicata nella realtà locale. Ma da qualche tempo Tele Iride ha deciso di volare più alto, e se la sua sede è ancora a Cavallina, il raggio di interesse si è parecchio esteso. Con risultati sorprendenti. Magari sarà un po’ ‘demugellanizzata’, ma adesso arriva in tutto il Centro Italia, dalla bassa Liguria fino all’alto Lazio…

E sorprendente è la recente graduatoria nazionale che… ha suddiviso le emittenti comunitarie da quelle commerciali.
Ebbene, Tele Iride si è classificata addirittura seconda, su 194 emittenti comunitarie, dietro soltanto a Tele San Domenico di Arezzo… Una graduatoria stilata sulla base di determinati parametri, dal bacino d’utenza al numero di dipendenti e di giornalisti dipendenti, dagli ascolti alle produzioni proprie.
‘Quando è iniziata la nostra gestione – dice il direttore Marco Talluri, non celando la sua soddisfazione – Tele Iride era 43.ma su 44 in Toscana, e diffondeva le sue trasmissioni solo nei comuni del Mugello e non in tutti.

Adesso il suo segnale arriva in tutto il Centro Italia e siamo secondi a livello nazionale. Sono convinto che questo risultato sia figlio del lavoro e della visione del presidente Giancarlo Grossi. Da direttore mi sento di dire che gran parte del merito è soltanto suo, perché un imprenditore che ha creato un gruppo industriale di livello come la Figros, poi nel calcio ha preso il Barberino e dalla seconda categoria lo ha portato in serie D, ha scelto di farsi carico di un’emittente Tv praticamente chiusa, e l’ha portata ad essere quello che è oggi. I risultati parlano da soli’.

Essere in alta classifica, nella graduatoria delle Tv locali non è peraltro solo una questione di prestigio: … a Tele Iride sono stati assegnati 258 mila euro… ‘Per le Tv locali – riflette Talluri – non è un momento facile, e ci sono emittenti chiuse o in forte crisi, come Antenna 5 e Italia 7. Per questo essere secondi a livello nazionale, ed essere così percepiti come uno dei principali player del settore, è per noi una grande vittoria. Obiettivi futuri? Mantenere e consolidare il livello qualitativo raggiunto, sicuramente…’”.

In realtà il periodico mugellano faceva riferimento alla graduatoria provvisoria delle Tv comunitarie per i contributi 2016. La graduatoria definitiva, uscita nel luglio scorso, ha leggermente modificato le cose e le cifre in ballo. Ma la sostanza resta: Tele Iride è dunque terza a livello nazionale, preceduta solo da Tele San Domenico di Arezzo e da Telepace Trento e seguita al quarto posto dalla pugliese Tele Radio Agricoltura Informazione (TRAI) di Brindisi e al quinto dalla siciliana RMK Tv (conosciuta anche come Tele Monte Kronio) di Sciacca (Agrigento). Quanto all’importo del contributo assegnato a Tele Iride per il 2016, quello definitivo è di 212.313 euro. (M.R. per NL)