Web. Google Italy include per la prima volta nel proprio bilancio i ricavi pubblicitari. Grava sul colosso la nuova Digital Service Tax

Google Italy

Ricavi in rialzo, ma sul fatturato di Google Italy pesano maggiori costi di produzione e la nuova Digital Service Tax.

La prima volta

Per la prima volta dall’inizio delle proprie attività, Google Italy ha incluso nel proprio bilancio anche il dato relativo ai ricavi pubblicitari, in precedenza attribuito a Google Ireland. In seguito ai problemi con il fisco italiano e al conseguente pagamento di 306 milioni di euro, il colosso del web ha cambiato il proprio modello di business.

Google Italy 1 - Web. Google Italy include per la prima volta nel proprio bilancio i ricavi pubblicitari. Grava sul colosso la nuova Digital Service Tax

I numeri di Google Italy

Il bilancio presentato dalla società americana per la divisione italiana segna ricavi per 505,8 milioni di euro e utili per 13,76 milioni: una netta differenza con i precedenti esercizi. Nel 2018, infatti, i ricavi registrati erano poco superiori a 100 milioni di euro. Più difficile il confronto con il fatturato del 2019, anno in cui erano stati esplicitati solo 2 mesi di attività, pari a 184 milioni di euro.

I ricavi pubblicitari

La composizione del fatturato 2020, come si può immaginare dalle differenze con i precedenti anni, è caratterizzata in maggior parte dai ricavi pubblicitari: 434,3 milioni di euro.

Le spese di Google Italy

Il fatturato non è l’unica voce in crescita sul bilancio: anche le spese sono aumentate nell’ultimo esercizio, con i costi della società che sono arrivati a 486,2 milioni di euro. Un altro importante incremento di uscite è stato registrato alla voce tasse.

La Digital service tax

Infatti, oltre ai 5,7 milioni di euro di imposte versate al fisco italiano, Google Italy (come gli altri giganti del web) ha per la prima volta dovuto pagare la Digital Service Tax. L’ammontare di questa nuova imposta introdotta nel nostro paese è di 11,5 milioni di euro.

Google Italy 2 - Web. Google Italy include per la prima volta nel proprio bilancio i ricavi pubblicitari. Grava sul colosso la nuova Digital Service Tax

L’organico di Google Italy

L’aumento dei costi sopracitato è dovuto anche a una crescita nell’organico della divisione italiana di Google. Nel 2020, infatti, i dipendenti sono cresciuti in numero del 36% rispetto al 2019, passando da 268 a 365.

Tasse più alte, prezzi più alti

L’aumento dei costi, tra spese per la produzione e le tasse, andrà ad influire ovviamente sui prezzi dei servizi di Google. Come già annunciato da Google Italy, infatti, dal primo di ottobre di quest’anno la pubblicità nel nostro Paese avrà un sovrapprezzo del 2%. (A.M. per NL)

printfriendly pdf button - Web. Google Italy include per la prima volta nel proprio bilancio i ricavi pubblicitari. Grava sul colosso la nuova Digital Service Tax
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Web. Google Italy include per la prima volta nel proprio bilancio i ricavi pubblicitari. Grava sul colosso la nuova Digital Service Tax

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL