Home Editoria Editoria e Tv. Raccolta pubblicitaria di RCS in crescita del 2% rispetto...

Editoria e Tv. Raccolta pubblicitaria di RCS in crescita del 2% rispetto anno precedente. Cairo a tutto campo: Copyright, Dazn, Sport e molto altro

SHARE
sport

Non solo sport negli interessi di Urbano Cairo. La7, canale sul DTT edito dal Gruppo Cairo Communication, beneficia della crescita di ascolti di cui già avevamo parlato in queste pagine: durante il primo semestre dell’anno la crescita c’è stata (+1,5%). Considerandone la raccolta pubblicitaria, a luglio, rispetto al 2017, è stato registrato un +4% e ad agosto addirittura un +18%.
Procedono bene anche le entrate in adv del Gruppo RCS, di proprietà del patron del Torino Calcio: nel periodo tra gennaio ed agosto, è stato ottenuto un +2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.
A conferma del trend positivo di RCS, domani uscirà Cook, il nuovo inserto del Corriere della Sera dedicato alla cucina; mentre il 29/09/2018 approderà in edicola il restyling firmato Danda Santini di Io Donna.

Durante la presentazione del Festival dello Sport, evento che si terrà a Trento dall’11/10/2018 al 14/10/2018 ed organizzato da La Gazzetta dello Sport (edita da RCS), il presidente Cairo, tra i vari argomenti toccati, ha commentato anche la Direttiva sul copyright varata dal Parlamento Europeo, definendola “una battaglia sacrosanta, condivisa anche dalle testate RCS. E’ giusto che gruppi con tanti dipendenti e tanti giornalisti non vedano i propri contenuti saccheggiati da questi over the top che non pagano il diritto di copyright”. L’imprenditore piemontese si è pronunciato, inoltre, su ciò che sta accadendo con Dazn, affermando che la piattaforma “ha avuto un inizio difficile, ma può accadere. Stanno lavorando per risolvere i problemi, ma è nel loro interesse e anche in quello dei loro abbonati risolverli”.

Infine, Cairo si è soffermato sulla situazione attuale che sta vivendo il calcio italiano, dopo la sconfitta per 1-0 della Nazionale contro il Portogallo: “Non ho mai fatto nomi, ma il calcio italiano ha di sicuro bisogno di innestare una marcia diversa. […] Se la Croazia con 4 milioni di abitanti, arriva in una finale del Mondiale, noi dobbiamo innestare una marcia diversa. Senza timore di copiare i Paesi che invece hanno fatto le cose per bene. La Gran Bretagna vinse una sola medaglia d’oro alle Olimpiadi del 1996 e 20 anni dopo a Rio, nel 2016, ne ha vinte 67, arrivando seconda nel medagliere. Come hanno fatto?”
Alla domanda ha risposto il presidente del Coni, Giovanni Malagò: “La Gran Bretagna ha semplicemente deciso di non finanziare tutti gli sport. Hanno scelto quelli dove c’erano prospettive – e prosegue – In Italia, invece, il Coni deve finanziare 387 discipline. Non esiste nessun Paese al mondo che ne finanzia tante.” (P.G. per NL)