Fiorello: la radio può attendere, scelgo il teatro

Slitta la ripresa di “Viva Radio2”, in programma per il prossimo 5 febbraio


Lo strepitoso successo ottenuto nell’arco del 2006 dalla premiata ditta Fiorello-Baldini ha fatto letteralmente andare in visibilio i vertici di Radio2, i quali hanno rilevato un aumento di audience del 36% in soli dodici mesi, una cifra straordinaria, in massima parte frutto dell’appuntamento pomeridiano con il varietà radiofonico condotto dal popolare showman siciliano, che ha catturato una fetta di pubblico degna di un programma tv. Nonostante questi dati più che positivi, Fiorello ha annunciato che, nonostante prima della pausa natalizia l’appuntamento era stato dato per il 5 febbraio 2007, la ripresa del programma slitterà notevolmente, per una serie di ragioni, prima fra tutte, il tour l’ex conduttore di Karaoke inaugurerà il prossimo 19 gennaio al “Mazda Palace” di Torino, versione rinnovata del suo precedente spettacolo “Volevo fare il ballerino”. E’ un peccato, se si pensa che uno show radiofonico non aveva un successo così grande e così capillare, da oltre un ventennio, dai tempi delle radio libere, dai tempi di Arbore e Boncompagni. Oltretutto, Radio2 quest’anno è arrivata a tallonare Radio Deejay al secondo posto tra le radio più ascoltate del Paese, alle spalle solo dell’ammiraglia Rai, Radio1. A tutti i fan di Fiorello ed agli ascoltatori abituali di “Viva Radio2”, probabilmente, dispiacerà molto quest’assenza prolungata dall’etere dello show e del presentatore ma, forse, data l’eco scatenata, la quotidianità degli appuntamenti, le polemiche sollevate in più circostanze (ultima quella con il Vaticano), si rischiava la saturazione. Invece una lunga pausa potrebbe risultare rigenerante per lo show. Nel frattempo, ci si può consolare andando a teatro a vedere “Volevo fare il ballerino”. (L.B. per NL)

printfriendly pdf button - Fiorello: la radio può attendere, scelgo il teatro