Home Editoriali Il mini switch-off di gennaio 2020 dimenticato

Il mini switch-off di gennaio 2020 dimenticato

2020, lcn

Se ne parla poco, eppure tra tre mesi (esattamente il 1° gennaio 2020) molte aree italiane saranno toccate da un’anticipazione dello switch-off del 2022: quello dei canali 51 e 53 UHF. Per esigenze di coordinamento internazionale, tali frequenze dovranno infatti essere liberate a partire dal 01/01/2020 secondo le tempistiche e le modalità dettagliate dal decreto del Ministro dello Sviluppo Economico del 19/06/2019.
L’effetto domino determinato da tale adempimento è rilevante, considerato che tendenzialmente solo un canale dei relativi multiplexer avrà spazio assicurato su un altro bouquet, quello regionale RAI (ovviamente a pagamento).

Mini switch-off

Agcom decide i costi di trasporto

L’articolo 1, comma 1031, della Legge di Bilancio 2018 (legge 205/2017) così come emendato dalla Legge di Bilancio 2019 (legge 145/2018) recita: “L’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni dispone le modalità e le condizioni economiche, orientate al costo, secondo cui il concessionario del servizio pubblico nel multiplex contenente l’informazione regionale ha l’obbligo di cedere una quota della capacità trasmissiva assegnata, comunque non inferiore a un programma, nel periodo transitorio, a favore di ognuno dei soggetti legittimamente operanti in ambito locale assegnatari dei diritti d’uso dei canali CH 51 e 53 alla data di entrata in vigore della presente disposizione che rilascino i rispettivi diritti d’uso nel periodo transitorio ai sensi del comma 1032”. Sul tema economico, Agcom ha pubblicato la Delibera n. 390/19/CONS, recante “Avvio del procedimento per la definizione delle modalità e delle condizioni economiche per la cessione della capacità trasmissiva da parte della concessionaria del servizio pubblico a favore dei soggetti assegnatari dei diritti d’uso relativi ai canali 51 e 53 della banda UHF”.

Figli di nessuno

E tutti gli altri FSMA veicolati su tali mux fuori dal marchio/palinsesto principale dell’operatore di rete che deve liberare anzitempo il canale?
Dovranno negoziare accordi con altri vettori, visto che la L. 205/2017 non garantisce una tutela ad essi.

Problema non facile da risolvere

Bel problema, posto che in qualche area calda del territorio potrebbe risultare complesso trovare spazio e comunque sappiamo bene che nessun mux è veramente identico ad un altro, non solo per costo di trasporto, ma anche per diffusione e sintonizzazione (nelle grandi città i centralini delle antenne spesso discriminano taluni canali).
Un problema che interesserà svariate decine di FSMA che in molti casi nemmeno hanno consapevolezza dello stesso….

foto antenne di Floriano Fornasiero

printfriendly pdf button - Il mini switch-off di gennaio 2020 dimenticato