Home Radio e TV Tv. Dopo acquisizione di Scripps, Discovery vira su mercato europeo perché più...

Tv. Dopo acquisizione di Scripps, Discovery vira su mercato europeo perché più appetibile di quello USA

David Zaslav, presidente e ceo discovery

Discovery Communications, Inc. cambia nome e diventa semplicemente Discovery, Inc.. A seguito dell’acquisizione di Scripps Networks Interactive, per la cifra record di 14,6 miliardi di dollari, il gruppo si appresta ad attuare nuove strategie, puntando sull’Europa e sul potenziamento del business relativo alla fornitura di contenuti a pagamento agli OTT.
La conclusione del sopra citato accordo ha consentito al broadcaster statunitense di aggiungere alla propria offerta un cospicuo pacchetto di brand televisivi, tra i quali si annoverano Food Network, Travel Channel, Hgtv (Home&garden tv) e Diy (Do it yourself). Alla luce di tale vantaggiosa transazione, dunque, sembra ragionevole affermare che non tarderanno a concretizzarsi nuove iniziative. I vertici della società, infatti, stanno già ponderando la predisposizione di nuovi pacchetti destinati alle piattaforme pay.

Il Presidente e Ceo di Discovery David Zaslav, nel corso di un’intervista riportata sul magazine Variety, ha dichiarato che, al momento, si pensa a delle offerte ad hoc concepite per il mercato europeo, considerando anche la grande differenza di tale contesto rispetto a quello che caratterizza gli Stati Uniti. “Negli Stati Uniti il costo di ingresso per un’offerta pay è di 40-50 e anche 80 dollari al mese. In Europa, invece, ci sono pacchetti pay molto più piccoli, meno canali tematici e che però hanno costi di ingresso da 8-10 dollari al mese”, ha dichiarato Zaslav.

Considerando che negli Usa gli alti costi di abbonamento stanno allontanando progressivamente molti utenti (soprattutto giovani e famiglie) dalle piattaforme pay, sembrerebbe che la strada tracciata sul versante europeo possa costituire una valida opzione.
Sul fronte economico, si prevede che l’integrazione di Scripps porterà a Discovery una graduale crescita dell’utile per azione e del free cash flow nel primo anno dopo il closing, come riporta una nota ufficiale pubblicata sul sito del gruppo.

Marinella Soldi, Chief Strategy Officer Emea & Managing Director Southern Europe Discovery, ha infatti affermato che “l’acquisizione di Scripps Networks International è una nuova grande tappa per il nostro gruppo. Da sempre cerchiamo di sorprendere il pubblico con contenuti originali e di qualità, servizi innovativi e talent capaci di entrare nel cuore degli appassionati”. Continua poi la Soldi approfondendo il discorso: “L’operazione con Scripps renderà il portfolio ancora più ricco e completo consentendoci un ulteriore salto di qualità grazie a contenuti proprietari molto appetibili utilizzabili sulle piattaforme lineari e non, in svariati formati e pienamente coerenti con il resto dell’offerta”.Marinella Soldi - Tv. Dopo acquisizione di Scripps, Discovery vira su mercato europeo perché più appetibile di quello USAQuesta rivoluzione riguarderà, giocoforza, anche l’Italia. Nel nostro Paese Scripps era presente da meno di un anno con Food Network, sul 33 del DTT; canale che, adesso, è andato ad aggiungersi alla squadra di Discovery.
La nuova strategia a misura di mercato europeo potrebbe comportare dei sensibili cambiamenti degli assetti attuali – anche nel nostro Paese – rimescolando le carte ed aprendo la strada a inedite alleanze, che potrebbero influire sui ricavi del gruppo.
Numerosi sono gli scenari possibili, che si inseriscono nel descritto quadro di crescita e di rinnovamento complessivo del gruppo.
Non da ultimo, ad ulteriore testimonianza di questa nuova fase, si aggiunge il trasloco di Discovery dalla sua sede storica a Silver Spring, in Maryland: il personale sarà collocato, infatti, sia negli uffici di New York che in quelli di Knoxville, in Tennesse, proprio là dove sorgeva l’headquarter di Scripps. (A.C. per NL)