Audio. USA: giovani preferiscono informazione tramite podcast a AM/FM. Edison Research introduce Super Listener e ne analizza intenzioni e comportamenti

super listeners

È stato pubblicato il terzo rapporto Super Listener (s) di Edison Research e Ad Results Media relativo al 2021 e incentrato appunto sui cd. super listener. La ricerca, presentata durante una conferenza tenuta da Marshall Williams, partner presso Ad Results Media e Tom Webster, senior VP presso Edison Reseach, ha avuto luogo a novembre 2021 ed ha riguardato un campione di 1000 ascoltatori. Ne sono emerse alcune osservazioni interessanti. Anche se il vero colpo di scena della conferenza proveniva da tutt’altro studio.

host - Audio. USA: giovani preferiscono informazione tramite podcast a AM/FM. Edison Research introduce Super Listener e ne analizza intenzioni e comportamenti
Tom Webster

Super Listener 

Chi sono i super listener ? Nella presentazione (al minuto 1:23) vengono indicati come “le persone nei due principali quintili in termini di ascolto, in sostanza quel 37% (sic) dei fruitori di podcast che ne consuma almeno 5 ore settimanali”.

Due quintili (o quasi)

Non facciamoci spaventare dalla parola quintile: si tratta di quinti, ovvero il 20% di un insieme. Scegliendo di parlare dei due principali quintili si va a descrivere le abitudini di ascolto del 40% degli utenti, qui per qualche motivo arrotondati per difetto a 37%.

Quel che resta dell’ascolto

Nulla è stato detto sulle abitudini di ascolto del restante 63% (il che, detto per inciso, ci ha lasciati perplessi). 

shareofear - Audio. USA: giovani preferiscono informazione tramite podcast a AM/FM. Edison Research introduce Super Listener e ne analizza intenzioni e comportamenti

Breaking News 

La ricerca fornisce dunque numerosi dati relativi a questo sottoinsieme, ma prima di presentarli – forse per mancanza di dati veramente hot – viene offerta una ghiotta breaking news… proveniente da un’altra ricerca. Edison Research produce infatti anche Share of Ear, una sorta di Total audience relativa all’audio e basata un campione “molto ampio”.

Podcast vs radio

Ebbene, l’ultima edizione ha rilevato come nella fascia 13-24 anni il tempo speso all’ascolto di programmi in voce veda ormai la categoria podcast vincente rispetto alla tradizionale AM/FM per un importante margine (35% vs 16%).

Shift generazionale

Commentando i dati, i due analisti hanno parlato di uno shift generazionale nelle fonti dalle quali vengono ricavate le informazioni. 

pew - Audio. USA: giovani preferiscono informazione tramite podcast a AM/FM. Edison Research introduce Super Listener e ne analizza intenzioni e comportamenti

Reality Check 

A conferma di questi dati, Edison cita una fonte indipendente, Pew Research – una “fact thank” senza scopo di lucro basata a Washington, D.C – che nello studio pubblicato il 15 febbraio 2022 rileva come  un quarto della popolazione nella fascia 18-29 anni consuma news “tramite podcast”. Il dato sembra eclatante, ma come sempre occorre fare attenzione ai dettagli.

Il 23% degli adulti statunitensi riceve news almeno sporadicamente da un podcast

Il commento alla slide dice infatti testualmente “il 23% degli adulti statunitensi riceve news almeno sporadicamente da un podcast”, percentuale che diminuisce in modo inversamente proporzionale all’età. Sporadicamente: una categoria che comprende chi ascolta news via podcast anche solo una volta al mese. 

time - Audio. USA: giovani preferiscono informazione tramite podcast a AM/FM. Edison Research introduce Super Listener e ne analizza intenzioni e comportamenti

Tempo di ascolto in aumento 

Tornando a Edison Research, possiamo osservare come il sottoinsieme di coloro che consumano oltre 5 ore di podcast alla settimana ne ascolta in media ben di più: si passa infatti dalle poco meno di 10 ore rilevate nel 2019 alle 11,2 ore (11 ore e 12 minuti in media) del 2021.

how 3.png - Audio. USA: giovani preferiscono informazione tramite podcast a AM/FM. Edison Research introduce Super Listener e ne analizza intenzioni e comportamenti

Strumenti di ascolto 

Un dato molto interessante riguarda gli strumenti utilizzati per la fruizione dei podcast. Come si vede, YouTube risulta essere la piattaforma dominante, con Spotify e Apple Podcast non troppo distanziati. Occorre comunque notare come la somma dei dati presentati sia pari al 375%, chiara indicazione del fatto che non esista una fedeltà alla singola piattaforma, forse in parte spiegabile dal recente fenomeno delle exclusive.

Video non indispensabile 

Commentando la slide, è stato sottolineato come solo il 50% dei fruitori di podcast via YouTube guardi effettivamente il video: il restante 50% mette probabilmente il cellulare in tasca e si limita all’ascolto in cuffia. 

a excl - Audio. USA: giovani preferiscono informazione tramite podcast a AM/FM. Edison Research introduce Super Listener e ne analizza intenzioni e comportamenti

Would You Be Willing ?

I due ricercatori passano dunque a esporre una tesi forse ardita: quella che gli utenti sarebbero disponibili a pagare per la fruizione “del proprio podcast preferito” nel caso questo divenisse a pagamento.

Estremismi

Riteniamo l’ipotesi estrema in quanto si tratta di risposte affermative ad una situazione ipotetica, senza peraltro indicazione del livello di costo. 

trump - Audio. USA: giovani preferiscono informazione tramite podcast a AM/FM. Edison Research introduce Super Listener e ne analizza intenzioni e comportamenti

Polling error 

In altre parole, non siamo di fronte ad una rilevazione del comportamento effettivo dell’utenza a seguito di un evento, ma alla dichiarazione di un’intenzione, cosa che porta spesso a previsioni non propriamente esatte. real person - Audio. USA: giovani preferiscono informazione tramite podcast a AM/FM. Edison Research introduce Super Listener e ne analizza intenzioni e comportamenti

Pubblicità 

Riportiamo infine due dati sui quali val la pena riflettere. Escludendo casi quali quello di Joe Rogan, la gran parte dei podcast utilizza il classico modello dell’advertising.

Preferenze

Ebbene – e questa è anche l’esperienza diretta di chi scrive, decisamente appartenente all’ultimo quintile – gli utenti preferiscono di gran lunga quella caratteristica pubblicità redazionale che fa parte integrante del programma, una sorta di racconto del prodotto in promozione a volte decisamente lungo.   

 host uses - Audio. USA: giovani preferiscono informazione tramite podcast a AM/FM. Edison Research introduce Super Listener e ne analizza intenzioni e comportamenti

Host dixit

Racconto che gioca sulla fiducia nell’host: se – come spesso accade – questo afferma di essere in prima persona consumatore o utente dell’oggetto in promozione l’interesse è pressoché certo, portando spesso a successivi approfondimenti pro attivi da parte dell’ascoltatore.

Conclusioni

In conclusione vogliamo riportare la nota scritta da Laura Badiini di Kvox, un analisi particolarmente utile per chi mastica soprattutto di radio: “Lo studio mostra il podcast come un ottimo strumento di digital advertising. Nonostante i Super Listeners abbiano riscontrato un aumento, sia nel numero che nella durata, delle pubblicità all’interno dei podcast restano molto propensi all’acquisto di un prodotto/servizio citato negli episodi ascoltati.

Attenzione elevata

Questo, però, evidenzia come l’attenzione debba essere molto alta. Non si può pensare d’inserire troppe pubblicità e nemmeno utilizzare il modello del cluster pubblicitario radiofonico, potrebbe rivelarsi estremamente controproducente e il rischio di perdere ascolti è elevato“. Niente spot a effetto e registrati, nel mondo del podcasting. (M.H.B. per NL) 

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Audio. USA: giovani preferiscono informazione tramite podcast a AM/FM. Edison Research introduce Super Listener e ne analizza intenzioni e comportamenti

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL