Radio 4.0. Commessi della Grande distribuzione confermano: smart speaker di Google va a ruba. Editori al bivio

Google, Google Home, Media World

A due settimane dalla messa in vendita dello smart speaker Google Home i commessi di Media World di Rescaldina (Legnano, Milano) confermano: “Va a ruba, non riusciamo a star dietro alle richieste”.
Ma chi li acquista? “Non i giovanissimi; quelli continuano a preferire le casse portatili per gli smartphone. Sono soprattutto quaranta/cinquantenni”. E l’uso che ne fanno? “Non lo sappiamo, perché arrivano già determinati; acquistano con le idee chiare, non ci dicono se lo prendono per comandare gli apparati smart della casa (forno, aspirapolvere, illuminazione, ecc., Ndr), per ricordare appuntamenti o eventi o solo per acquistare musica. E’ incredibile, di solito i clienti si fanno consigliare, mentre in questo caso il nostro ruolo è solo quello di consegnare il device”.Media World smart speaker Google Home - Radio 4.0. Commessi della Grande distribuzione confermano: smart speaker di Google va a ruba. Editori al bivioInsomma, Google ci ha visto lungo e l’aver bruciato Amazon che arriverà con Alexa solo per Natale (salvo cambi di strategie per limitare il consolidamento della concorrenza) determinerà il conseguimento di rendite di posizioni difficili da recuperare.
“Noi stiamo sperimentando l’impiego di Google Home come ricevitore Radio: le implicazioni sono enormi”, commenta Massimo Rinaldi, ingegnere di Consultmedia (struttura di competenze a più livelli collegata a questo periodico). “Appare ormai evidente che il futuro passerà da qui e gli editori devono farsene immediatamente una ragione, prima di perdere presidi importanti”, interviene Giulia Cozzi, della practice Radio 4.0 di Consultmedia.
Interessante è l’impiego informativo: come dimostra il video che riportiamo, al comando: “Hey Google fammi ascoltare le news“, il device riproduce il podcast dell’ultimo notiziario Radio Capital News. E solo quello. Inutile chiedergli di sintonizzare altri notiziari, come quello di Radio 24 (pure presente in podcast) o di RAI: Google riprodurrà (per ora) sempre e solo i notiziari di Radio Capital News.

Ma per essere presenti sugli smart speaker Google Home allo stato occorre essere sulla piattaforma TuneIn, l’unico aggregatore al momento accreditato (negli USA con Alexa però non è così, essendo possibile scaricare anche app singole delle varie stazioni, oltre ai brand bouquet). Non esserci significa quindi perdere il treno, a dimostrare, ancora una volta che i rapporti di forza tra editori e collettori di flussi streaming si stanno spostando“, spiega Massimo Lualdi, avvocato e rainmaker di MCL Avvocati Associati, law firm impegnata nei risvolti strategici e giuridici della Radio Tv 4.0.

Al di là dell’aspetto distributivo, un altro elemento che viene alla luce è il fatto che la Radio 4.0 ha enormi potenzialità sugli smart speaker attraverso la domiciliazione di contenuti in podcast e previa attività di elevata indicizzazione, “per cui sarà sempre più importante l’attività di SEO”, annota la giurista Giulia Cozzi. Il futuro passa soprattutto dalla rintracciabilità di ciò che si produce e si domicilia sul web: “Posso realizzare le trasmissioni migliori al mondo, ma se non le podcasto e non le indicizzo, non emergeranno mai e l’utilizzo sarà limitato al live streaming: uno spreco enorme di opportunità”, mette in guardia Lualdi.

Ovvio che a far la differenza saranno i contenuti non replicabili da OTT come Spotify, che su Google Home ha una corsia preferenziale insieme a Google Play Musica, provider musicale privilegiato in quanto captive“, sottolinea Rinaldi. “News, sport, meteo, informazioni stradali,  intrattenimento non solo musicale, trovano sugli smart speaker come Google Home un terreno fertile”, conclude Lualdi, name partner di MCL. Insomma, il mondo radiofonico sta cambiando velocemente, molto più di quanto si pensasse solo due anni fa. E Google Home è solo l’onda minore dello tsunami in arrivo. (E.G. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Radio 4.0. Commessi della Grande distribuzione confermano: smart speaker di Google va a ruba. Editori al bivio

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL