Radio. Anche Mediaset contro emendamento Decreto Maxi Ristori: nel mirino oltre a conversione titoli concessori, anche possibilità di affittare frequenze

ritardi, maxi ristori

Si allarga il fronte degli oppositori degli emendamenti radiofonici al Decreto Maxi Ristori: dopo il gruppo Gedi (La Repubblica è stato il primo quotidiano a dare contro alla novella normativa) e l’associazione Aeranti-Corallo, scende in campo anche Mediaset.
Che tocca un altro emendamento previsto dal Decreto Maxi Ristori: quello relativo alla possibilità di affittare le frequenze radiofoniche.

Emendamenti in Decreto Maxi Ristori destabilizzanti per il sistema radiofonico

La scorsa settimana è passato un emendamento all’interno del decreto ristori approvato dal consiglio dei ministri. Quello che non è emerso in maniera chiara sono le due norme contenute all’interno del decreto che determinano un cambiamento epocale a discapito di tutto il sistema delle radio italiane”, spiega una nota diffusa da Tgcom 24.

Affitto frequenze dai concessionari radio. Come già avviene in ambito televisivo (operatori di rete DTT)

“All’interno del Decreto Ristori infatti sono contenuti due emendamenti che hanno nella loro somma composta un effetto deflagrante per l’intero sistema radiofonico. Con il primo emendamento è stata introdotta la possibilità di poter affittare frequenze anche se non di proprietà a terzi, vanificando gli investimenti effettuati negli anni da tutti gli operatori ed i relativiasset patrimoniali”, continua la nota del Biscione. Che, in questo caso, fa riferimento alla seconda modifica normativa, quella che consente l’affitto d’azienda radiofonica (o delle singole frequenze).

Il secondo emendamento al Decreto Maxi Ristori dispone infatti che “L’articolo 27, comma 5, del decreto legislativo 31 luglio 2005, n. 177, si interpreta nel senso che per trasferimento si intende qualsiasi forma di cessione a qualunque titolo, anche temporanea in forma di affitto di azienda o del solo diritto d’uso della frequenza, in conformità alla direttiva 2009/140/CE e all’articolo 14-ter del decreto legislativo 1º agosto 2003, n. 253”. Nulla di stravolgente, in realtà, in quanto si tratterebbe della normalizzazione di quanto già accade con le frequenze DTT da parte degli operatori di rete.

Il nodo della pubblicità delle (ex) comunitarie

“L’emendamento relativo alla modifica per le radio cosiddette comunitarie del tetto di raccolta pubblicitaria commerciale consentirà a queste emittenti di trasmettere più pubblicità (dal 10 al 25% orario)”, prosegue il comunicato.

Fluidità della tipologia concessoria

“Si tratta di modifiche che abbattono un sistema di norme che fino ad oggi ha regolato in maniera ordinata un mercato fatto di tantissimi soggetti anche locali oltre che nazionali. Da un lato viene moltiplicato il valore del titolo concessorio delle emittenti “comunitarie”, no profit, che possono trasformarsi in “commerciali”, e , senza investimenti, mediante il solo affitto di frequenze possono arrivare alla copertura del 60% del territorio nazionale”. Il richiamo di Mediaset è alla norma che consente la trasformazione di un titolo da comunitario a commerciale (il contrario è già consentito ma in forma irrevocabile), su cui ci siamo soffermati ieri.

Svilito il titolo delle concessioni nazionali

Dall’altro viene svilita la concessione delle altre emittenti nazionali che perderanno mercato pubblicitario e potranno accendere nuovi impianti solo mediante acquisto di frequenze a titolo oneroso previa autorizzazione da parte del ministero.
Di fatto queste due norme consentono ai giganti cosiddetti OTT (Google, Amazon, Spotify) di entrare in maniera incondizionata anche in questo mercato, con buona pace del pluralismo e di quel variegato mosaico che caratterizza il sistema della radiofonia italiana nazionale e locale”, conclude Mediaset. (E.G. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Radio. Anche Mediaset contro emendamento Decreto Maxi Ristori: nel mirino oltre a conversione titoli concessori, anche possibilità di affittare frequenze

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL