Home Editoriali Radio digitale. Vogliamo girare con un camion nel cortile?

Radio digitale. Vogliamo girare con un camion nel cortile?

SHARE
camion, digitale

La Radio digitale non è la versione numerica di quella analogica, ma qualcosa di ben differente. Come lo è la Tv on demand rispetto a quella lineare.
Secondo l’indagine condotta dal Reuters Institute all’interno dello Studio sul Giornalismo, più di un quarto degli adulti europei ha ascoltato un podcast nell’ultimo mese e la penetrazione media del podcasting sui 14 mercati europei si è attestata intorno al 27,9%, di poco inferiore al Nord America e 14,1 punti percentuali in meno rispetto all’Asia-Pacifico, dove il fenomeno riguarda un adulto su due.
Tra i sette mercati al di sopra della media vi è l’Italia con un 29,6%, mentre i podcast sono risultati più popolari in Spagna (40,1%), in Irlanda (37,8%) e in Svezia (36,4%). La Francia si posiziona in mezzo con una penetrazione del 28% a fronte della Germania con il 22,2%, il Regno Unito al 18,1% ed i Paesi Bassi al 17,8%.

Negli ultimi anni il consumo totale audio giornaliero in Europa è stato di circa 2 ore, di cui l’ascolto online rappresenta il 39,9%. Anche gli inserzionisti pubblicitari sembrano iniziare a spostare importanti quote di budget su questo comparto, ormai presente sul mercato da più di 10 anni.podcast trend europa - Radio digitale. Vogliamo girare con un camion nel cortile?
Come abbiamo più volte scritto, il podcasting vedrà una vera e propria esplosione con il consolidamento degli smart speaker, che per il Natale 2018 sono in cima alla lista dei regali più gettonati.
Sfruttare Google Home od Amazon Echo per il live streaming è come girare con un camion nel cortile: tali device manifestano in ambito radiofonico il pieno delle potenzialità con i contenuti differiti. Per questo le radio italiane devono svegliarsi dal torpore e presidiare senza indugio con apposite action (Google Home) e skill (Amazon Echo) gli smart speaker, evitando di limitarsi alla mediazione di TuneIn, che, inevitabilmente, prima o poi chiederà il pagamento di un pedaggio (sotto forma di canone o – più probabilmente – di sfruttamento commerciale).
Perché la Radio digitale sugli smart speaker sta come Netflix sugli smart tv. Chi compra (scientemente) una smart tv non lo fa certo per vedere in live streaming Canale 5 e RAI Uno.