Home News Ticker Tv Tv locali. Un aggiornamento degli ascolti nelle varie regioni con i dati...

Tv locali. Un aggiornamento degli ascolti nelle varie regioni con i dati Auditel di maggio 2019. Ecco chi vince e chi perde da Nord a Sud

ascolti delle Tv locali

Torniamo ad esaminare gli ascolti delle Tv locali italiane nelle varie regioni sulla base dei dati più aggiornati diffusi dal sito di Auditel, quelli del maggio 2019, mettendoli anche a confronto con quelli della nostra precedente analisi, riferita al novembre 2018.
Cominciamo naturalmente la panoramica degli ascolti delle Tv locali dal Piemonte (in Val d’Aosta non ci sono emittenti iscritte con sede nel territorio). In questa regione, come al solito, il panorama generale non è esaltante ma a vincere è di nuovo 7 Gold Telecity Piemonte, che stavolta, in maggio, stacca abbastanza nettamente Telecupole, meno brillante di altre occasioni, nei contatti (meno nell’ascolto medio). Segue Videogruppo (che mette in onda però le trasmissioni calcistiche del gruppo lombardo Mediapason), che ha buoni contatti ma un ascolto medio decisamente inferiore a Telecupole, e poi, nell’ordine, ci sono Primantenna e Rete 7, con quest’ultima in calo più accentuato nell’ascolto medio.

La novità è che Telesubalpina da maggio è rilevata di nuovo in autonomia con più di 28.000 contatti ma va detto che ora trasmette in realtà, come noto, la sportiva Radio Bianconera Tv.
Ancora a seguire ci sono Sesta Rete e Vco Azzurra Tv, i cui ascolti complessivi (come ‘Tv di area’) sono però più alti, in quanto per metà realizzati in Lombardia. Fra le Tv non piemontesi, le lombarde ‘calcistiche’ vanno sempre forte con TeleLombardia e Top Calcio 24 e si difendono anche Canale Italia 11 e Canale Italia 83. Sempre su posizioni non esaltanti gli ascolti di VideoNovara, mentre fra le Tv non iscritte fa spicco Grp.
In Liguria Primocanale domina la scena solitaria, come di consueto, anche se sembra un po’ in calo, seguita a debita distanza da 7 Gold Telecity Piemonte e da Telenord, che invece appare piuttosto ‘tonica’ e supera 7 Gold nell’ascolto medio. Per il resto, qualche ascolto ce l’hanno Canale Italia 83 e Telecupole. C’è tuttavia un drappello di Tv locali non iscritte, come Telegenova, Imperia Tv, Telepace nel Tigullio e Tele Liguria Sud a La Spezia.

Ma eccoci alla Lombardia, la regione più importante in questa panoramica degli ascolti delle Tv locali.
Il gruppo Mediapason comanda indisturbato e TeleLombardia è sempre alle prese con Telenorba per il primato assoluto fra le locali a livello nazionale. Ma a impressionare è la ‘potenza di fuoco’ complessiva del gruppo, con Antenna Tre seconda assoluta in regione e Top Calcio 24 (presente anche a livello nazionale) pure nelle prime posizioni e Milanow a seguire, sia pure nelle retrovie. La terza posizione invece se la contendono Espansione Tv e 7 Gold Telecity Lombardia, con la seconda che ha più contatti in maggio ma Espansione che prevale nell’ascolto medio.
Tiene Telenova ma decisamente meglio di lei fanno, nell’ascolto medio, Bergamo Tv e Teletutto, le note ‘provinciali di lusso’, appaiate negli ascolti. Vicine nei contatti – a seguire – anche Telecolor e Telereporter del gruppo Baronio, con l’ascolto medio che è però deciso appannaggio della Tv di Cremona.

Ci sono poi molte altre iscritte, anche di recente, nelle varie province, con i loro dignitosi ascolti. La prima è Rete 55 (sia pure preceduta da Canale Italia 83), ma va bene anche Telemantova, mentre rientra in scena Telepavia, dopo l’arrivo di Ettore Andenna, anche se i tempi d’oro sono lontani. Teleunica Lecco, per fortuna rimasta attiva, ha sempre i suoi fedeli spettatori e anche TeleBoario fa la sua parte, seguita dalla promettente Cremona 1. Nelle ultime posizioni invece c’è Telecampione, rivitalizzata però dal passaggio sulla rete dei programmi della Svizzera Italiana, mentre si vede appena la novità NSL.
In Trentino-Alto Adige, ancora primato per Rttr, seguita da Video 33 di Bolzano, un po’in calo; terza è sempre Trentino Tv. Telenuovo invece non indovina la nuova iscrizione con la sigla unica Rete Nord, che si appaia in questa regione a Telenuovo Trento e l’ascolto complessivo è in calo. Si difendono le venete 7 Gold e Antenna Tre, a chiudere c’è Alto Adige Tv.
In Veneto, dopo quella di A3, torna in scena proprio la ‘tradizionale’ sigla Antenna Tre Veneto, emittente così ben rilanciata da consolidare il primato nell’ascolto medio di maggio. Quanto ai contatti, è però invece prima Telenuovo, che è tornata a iscriversi con un’unica sigla (Tele Nuovo Rete Nord, come dicevamo), unendo le emittenti di Verona e Padova; ma la mossa non sembra appunto aver avuto un buon esito nel complesso degli ascolti. La terza posizione se la contendono poi 7 Gold Telepadova e una tonica Tva Vicenza, che riesce a precedere Rete Veneta, che pure non va affatto male, e Telearena.

A seguire, c’è il drappello composto da Telenordest (sempre del gruppo Rete Veneta, come Antenna Tre e la giuliana Telequattro), Telechiara e Canale Italia 83, sempre supportata dalla ‘originaria’ Serenissima. Il gruppetto che segue parte invece con Telebelluno e comprende anche 7 Gold Plus Teleregione e la nuova iscritta Telecittà. Company Tv comincia a farsi notare, in compagnia di Cafè 24. Non è iscritta Tv7 Triveneta.
In Friuli-Venezia Giulia, ascolti sempre ‘simili’ fra Telefriuli e Telequattro, mentre fra le venete qui si fanno luce sempre 7 Gold Telepadova, Telechiara e Antenna Tre.
Proseguendo la panoramica degli ascolti delle Tv locali, veniamo all’Emilia-Romagna. Vince di nuovo Sesta Rete 7 Gold, con il ‘gruppo Trc’, però, pur sempre complessivamente più forte nei contatti, con le sue due emittenti di Modena e Bologna (tuttora non iscritte in modo chiaro in Auditel) e con la novità ER24 non ancora presente. Va sempre bene, con la nuova gestione, la bolognese È Tv Rete 7, seguita da Telereggio, molto forte nell’ascolto medio. In salute anche 12 Tv Parma, con a rincalzo Canale Italia 83 e una Tv Qui di Modena sempre più lanciata.

La Tv all news della Romagna Tr 24 – Canale 11 ha più audience della ‘originaria’ Teleromagna (più Teleravenna), poi ci sono Telelibertà (vista in parte anche in Lombardia) e Radio Bruno Tv. Le Tv lombarde hanno ascolti significativi nella parte occidentale della regione, mentre San Marino Rtv nel 2019 non si è iscritta, come Vga Rete 8, mentre non ha molto senso l’iscrizione di Nuova Rete (specialmente nelle Marche) che ha lasciato in parte spazio a Italia Anni 60 Tv. Nelle ultime posizioni, infine, la riminese Icaro Tv, con una Nettuno Tv che ha appena chiuso i battenti. Non sono iscritte Telesanterno e Telestense né Teletricolore.
Nelle Marche solido primato per Tv Centro Marche, seguita, un po’ a distanza, da Tvrs e poi da È Tv Marche. Fa sempre capolino, dopo Canale Italia 83, Canale 15 Marche (del gruppo Sciscione). Le altre Tv locali non sono iscritte.
In Toscana Rtv38 è nettamente la prima della fila nei contatti, ma nell’ascolto medio si è invece fatta largo Noi Tv di Lucca, un’emittente di buon successo, specialmente nella sua zona. Poi c’è una Tvr Teleitalia (con 7 Gold) in buona salute, con la ‘collega pratese’ Toscana Tv subito a rincalzo e qualche ascolto anche per Canale 10, che opera con la sigla Tvr Più.

Italia 7, chiusa la fase delle traversie, è rientrata in classifica in posizione interessante, anche se su ascolti simili c’è tutto un gruppetto di emittenti, ovvero Tvl, Teletruria (forte nell’ascolto medio) e, appena più indietro, Tv9 e 50 Canale, con Canale Italia 83. Segue Granducato Tv, che adesso ha un proprio giornalista eletto sindaco di Livorno. Più indietro Tv1 e Radio Bruno Tv.
In Umbria il primato di Umbria Tv proprio non si discute, mentre Tef non brilla e si fa avanti invece TRG Tele Radio Gubbio. Poca gloria per Rete Sole Umbria, mentre si affaccia, per adesso in sordina, È Tv Umbria.
Nel Lazio, nel consueto panorama un po’ deprimente degli ascolti delle Tv locali, stavolta è TeleUniverso a vincere la partita, anche nettamente nell’ascolto medio, mentre scende ancora un po’ Canale 21 Extra, seguita a poca distanza da Canale 10. A seguire ci sono Lazio Tv e Tele Roma 56, con ascolti simili, anche se va benino anche Tele Roma 56 Sport.
Più indietro c’è Gold Tv, che comunque fa meglio di Rete Oro e Supernova Tv. Non molto significativi gli ascolti di 7 Gold Sud (versione laziale) e ancor meno quelli di Rete Sole Lazio, Europa Tv e Teleambiente. Infine ci sono alcune toscane, la campana Tele A e si nota appena, per ora, NSL Lazio.

In Abruzzo Rete 8 è sempre primatista indiscussa, anche se la fase non sembra brillantissima, con il buon consueto supporto di Rete 8 Sport. Si rifà vedere, poi, Telemax, che si contende la piazza d’onore con Tv Sei (gruppo Telemolise). Tutte le altre non sono iscritte, con l’eccezione di LaQ Tv di L’Aquila, che nella sua zona riesce a difendersi.
In Molise è sempre iscritto solo il gruppo di Telemolise. Ovviamente, Telemolise domina, seguita da Telemolise 2 e da nessun’altra sigla locale.
Interessante, come sempre, la Campania. Il primato va naturalmente a Canale 21, seguita a debita distanza nei contatti da Canale 9 (con 7 Gold all’interno), mentre nell’ascolto medio si fa luce una brillante Televomero. Ma ci sono anche diverse ‘defezioni’ quest’anno (per varie ragioni), vale a dire quelle di Tv Luna, + N News e Julie, a tutto vantaggio di una tonica Canale 8, che si piazza quarta assoluta. Più indietro ci sono, più o meno appaiate, Tele A e Lira Tv. Poi tocca alla ex primatista Telecapri,con accanto la rete di news e quella sportiva, a rafforzare gli ascolti. Non male anche la religiosa Teleradio Buon Consiglio. Poi gli ascolti ‘minori’ ma non trascurabili, a partire dalla new entry Kiss Kiss Napoli Tv (le Radio locali del gruppo Niespolo sono tutte anche in Tv) e poi Irpinia Tv, Teleclub Italia di Giugliano, Otto Channel e Prima Tivvù 2, del gruppo di Telenostra di Avellino. Mancano naturalmente molte altre Tv, a partire da Telecolore.
La Puglia è terra di Telenorba, che, come dicevamo, si contende con TeleLombardia la palma di più seguita Tv locale d’Italia. L’attuale fase sembra positiva per gli ascolti e anche la seconda rete Teledue fa sempre la sua parte, così come la seguita Tv musicale (e radiofonica) del gruppo, Radio Norba Television, e poi una Tg Norba 24 che in Puglia conta sempre parecchio. Con ascolti simili a Tg Norba (ma con un buon ascolto medio in più) ecco poi la salentina Telerama, che riesce a difendersi bene.

Ma si rifà viva sulle stesse posizioni anche Antenna Sud, in crescita con la nuova gestione del gruppo di Mino Distante, che ha a supporto anche Canale 85. A seguire, ecco 7 Gold Sud (versione pugliese) e la rampante lucana – ma anche pugliese – Trm H24. Poi, Teleregione Color, seguita da Telebari, Teledehon e Telesveva, con Canale Italia 83. Infine, Canale 7 e TeleRadio Padre Pio, che non corrisponde esattamente alla nazionale Padre Pio Tv. Non è più iscritta, fra le altre, la tarantina Studio 100.
In Basilicata Telenorba e Teledue si contendono il primato, anche se Trm H24 (con a supporto ‘l’originaria’ Trm) si fa valere a sua volta. Molte le pugliesi presenti in graduatoria (anche Antenna Sud), oltre a Telecapri, mentre fra le lucane si fa notare anche La Nuova Tv di Potenza e si affaccia appena Le Cronache Basilicata.
Il panorama degli ascolti delle Tv locali prosegue con la Calabria, molto interessante per le varie buone Tv in lizza. Nel gruppo di testa ci sono Telespazio Tv (gruppo Notaris), che vince (di poco) nei contatti in maggio, e Videocalabria, che prevale nell’ascolto medio. Subito a ridosso ci sono poi LaC e Calabria Tv (sempre gruppo Notaris), con il supporto della ‘specializzata’ Mi Sposo Tv, ma non va certo dimenticata la cosentina Teleuropa, che ha a sua volta ascolti molto alti. Più indietro Esperia Tv e poi, a seguire a distanza, Rti, con la siciliana Telerent 7 Gold e 7 Gold Sud. Si affaccia in maggio anche la nota Tv locale d’informazione Telemia.

In Sicilia Antenna Sicilia è sempre largamente prima ed è tornata tonica; ugualmente non si discute il secondo posto della collegata Telecolor. A debita distanza c’è Tgs, con l’altra palermitana Trm subito appresso. Si fa notare anche Telerent 7 Gold.
Poco più indietro si sono le ragusane Videoregione e Video Mediterraneo, con ascolti simili. Da segnalare, sempre, TeleOne e Rtp (gruppo Tgs). Presenze un po’ simboliche, per chiudere, per Rei Tv (in crescita però) e La2. Molte, anche qui, le Tv non iscritte.
E per concludere questa lunga panoramica degli ascolti delle Tv locali, la Sardegna. C’è solo il gruppo Videolina (Tv che dopo il ritorno sul satellite, si è iscritta in Auditel in tutta Italia), con audience davvero molto alta. L’unica altra Tv locale iscritta, pur con ascolti lontanissimi da quelli di Videolina, è peraltro Tcs, del suo stesso gruppo. (M.R. per NL)