OTT. Basta con gli utenti: ora a Wall Street interessano i bilanci. Titoli in calo per gli over the top

WALL STREET

Nelle scorse settimane alcuni OTT hanno visto i propri titoli perdere di valore nonostante le crescite registrate sugli abbonamenti, segno, tra l’altro, che un maggior numero di utenti paganti non è sinonimo di sicurezza economica, soprattutto quando i risultati sono raggiunti a fronte di enormi spese. È il caso, ad esempio, di Disney Warner Bros. Discovery, le cui azioni hanno perso, rispettivamente, il 13% e il 7,6%. Il calo in borsa è dovuto, appunto, al maggior peso dato ai bilanci delle società, a discapito dei risultati di pubblico. Corsa ai ripari, dunque, per limitare i danni e tornare competitivi sia a Wall Street, sia sugli schermi, il tutto, però, limitando le spese.

Wall Street cambia focus

Wall Street ha deciso di cambiare la lente attraverso cui filtrare la realtà dei broadcaster (e degli OTT), ma per gli editori non è una buona notizia. Infatti, al netto di crescite di abbonati, espansioni in nuovi mercati e ampliamenti di offerte, la direzione dei bilanci è all’opposto.

Disney Warner Bros 

Ne sanno qualcosa a Burbank, California, sede di due dei più importanti studios al mondo: Disney e Warner Bros. Entrambe le società, infatti, hanno visto scendere il valore delle proprie azioni, nonostante, appunto, un aumento delle sottoscrizioni.

Più utenti, ma meno incassi

Nella fattispecie, Disney ha perso il 13%, mentre per Warner il danno si è limitato al 7,6%. Eppure, come anticipato, entrambi i gruppi hanno beneficiato di maggiori utenti sui rispettivi servizi OTT. Il conglomerato Warner Bros. Discovery, ad esempio, con Discovery+, Hbo e Hbo Max, è passato da 92,1 a 94,9 milioni di abbonati rispetto all’ultimo bilancio parziale del 2022.

Giù anche la raccolta

Allo stesso tempo, però, i ricavi provenienti dalla raccolta pubblicitaria sono calati dell’11%. Il motivo, secondo la società, è da attribuire al difficile ambiente macroeconomico in cui Warner si trova ad operare.

Strategie aggressive

David Zaslav, ceo di WBD, ha dunque annunciato che la compagnia correrà ai ripari con due strategie principali, entrambe decisamente aggressive. Il patron del gruppo ha infatti dichiarato: “Il grande esperimento di creare qualcosa ad ogni costo è finito”. Basta, dunque, con super investimenti votati solo ad allargare la platea di utenti.

all street 300x220 - OTT. Basta con gli utenti: ora a Wall Street interessano i bilanci. Titoli in calo per gli over the top
David Zaslav, ceo Warner Bros. Discovery

Poche spese e più risparmi

D’ora in poi, si può dire, inizia l’era dell’austerity per la compagnia, che, infatti, ha dichiarato anche di voler alzare la soglia dei propri obiettivi di risparmio. Precisamente, Zaslav intende portare il target a 3,5 miliardi, dai 3 di partenza.

Bruciare i tempi

Contestualmente, la società ha deciso di anticipare il lancio del nuovo servizio di streaming combinato. Previsto per l’estate 2023, la novità di casa Warner Bros. Discovery vedrà invece la luce in primavera. Piede sul gas, dunque, sperando di recuperare le perdite e preparandosi alla corsa all’adv.

Più aggressivi sul mercato

Zaslav, infatti, ha dichiarato che l’azienda affronterà aggressivamente il mercato pubblicitario del settore streaming. Macroambiente, è bene ricordarlo, in cui si è palesato da poco un nuovo “predatore”: Netflix, con i suoi piani ad-supported. (A.M. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - OTT. Basta con gli utenti: ora a Wall Street interessano i bilanci. Titoli in calo per gli over the top

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL