Home Radio e TV Radio 4.0. JVC e Kenwood (attraverso NextRadio) puntano sulla hybrid radio FM-AM/IP

Radio 4.0. JVC e Kenwood (attraverso NextRadio) puntano sulla hybrid radio FM-AM/IP

NextRadio, radio ibrida, hybrid radio, JVC e Kenwood

JVC e Kenwood (marchi integratisi nel 2008 nella giapponese JVC Kenwood Holdings) sono già pronti per la radio ibrida via etere e IP, quantomeno negli USA.
TagStation, distributore dell’app NextRadio, ha infatti annunciato ieri che l’app per l’hybrid radio FM-AM/IP è ora disponibile sulle piattaforme di car entertainment di JVC e Kenwood.
Attraverso la piattaforma WebLink di Abalta Technologies (società specializzata nel mirrorlink per le connected car), quando un automobilista collega uno smartphone ad un sistema dashboard JVC e Kenwood WebLink (cioè una soluzione mirrorlink), attraverso la connessione IP generata dal telefono può scaricare i metadati veicolati dalla stazione radiofonica, quali le copertine degli album, i loghi delle stazioni e altre immagini inerenti le singole trasmissioni sul display del cruscotto dell’auto, mentre l’audio della trasmissione giunge via etere (FM/AM) tramite il sintonizzatore dell’autoradio. Un passo ovviamente intermedio verso un futuro di veicolazione esclusivamente IP.

Il presidente di Next Radio Paul Brenner ha dichiarato a riguardo: “Siamo entusiasti di essere stati scelti per testare l’integrazione della radio FM/AM nell’auto interconnessa in collaborazione con JVC e Kenwood. La capacità di fornire un’esperienza interattiva in-car è un grande traguardo per l’industria radiofonica e offre una grande opportunità per gli ascoltatori della radio“.
“Il nostro obiettivo è sempre quello di offrire un’esperienza più completa. L’app di NextRadio fa esattamente questo, arricchendo l’ascolto radiofonico con contenuti visivamente sorprendenti e pertinenti che i conducenti possono trovare a colpo d’occhio“, ha dichiarato Rick Noetzli, General Manager Product & R&D, Consumer Product Planning di JVC e Kenwood.
Ricordiamo che l’industria radiofonica statunitense, oggetto in questi mesi di una vera e propria rivoluzione degli equilibri a seguito del default di colossi quali iHeart e Cumulus, sta guardando con grande attenzione ai cambiamenti introdotti dall’era delle auto interconnesse, come dimostrato dalle recenti proposte tecnologiche esibite nel corso della mostra sull’elettronica CES (International Consumer Electronics Show) di Las Vegas. (E.G. per NL)