Radio digitale. Torna ipotesi switch-off FM/DAB+ in UK per 2022/2023. E a volerlo sono proprio i big player della FM. Che potrebbe pero’ rimanere in funzione per stazioni no profit per altri 10 anni

radio digitale, adriatica

Anche in UK si pensa che l’FM avrà una durata non superiore a 15 anni, confermando gli indicatori italiani ed europei in generale. Anzi, ad essere precisi 10 anni dal 2022, data considerata come quella della più grande rivoluzione tecnologia dal 2000.
L’UK si prepara alla riforma della regolamentazione della radiodiffusione sonora. Obiettivo: svecchiare il medium, adeguare la normativa alla sopravvenuta evoluzione tecnologica, eliminare retaggi analogici.
E quindi torna di attualità l’ipotesi di uno switch-off della FM a favore del digitale via etere (DAB) per il 2022 o al massimo il 2023.

Margot James, ministro del Dipartimento per la cultura digitale, i media e lo sport (DCMS) in realtà non ha rilasciato dichiarazioni sullo stop delle trasmissioni in FM, ma in occasione dell’UK Radio Festival il 13/05/2019, ha dato uno spunto significativo al tema: “La radio digitale rappresenta oltre il 52% di tutto l’ascolto della radio nel Regno Unito e abbiamo bisogno di una struttura legislativa che rifletta questo cambiamento e ci dia la flessibilità necessaria per affrontare il cambiamento che ci attende.”
In UK la Radio digitale si sta in effetti evolvendo velocemente, ovviamente non solo nella direzione del Digital Audio Broadcasting, ma anche in quella dell’IP, attraverso smartphone, connected car, smart speaker (Google Home ed Amazon Echo), smart tv. In definitiva, della multipiattaforma; che, tuttavia – novità nella novità – presto non contemplerà più (almeno in UK) la modulazione di frequenza.

E proprio a riguardo delle piattaforme web, John Evington partner della società di consulenza The Radio People e di Viamux, fornitore di soluzioni DAB low cost, ha dichiarato: “Deve esserci una chiara strategia per la radio in quanto le linee tra la radio lineare tradizionale, i servizi di streaming e il podcasting diventano sempre più sfocate”. Secondo Paul Chantler, programming consultant e socio della stazione londinese Fix Radio DAB, un “passaggio completo da FM a DAB – piuttosto che la prosecuzione del simulcast FM/DAB odierno – dominerà le discussioni sulla revisione della regolamentazione. La ragione per cui c’è una così grande pressione da parte dei grandi gruppi per addivenire ad un passaggio completo al digitale è che danni i player stanno sostenendo i costi per il symulcasting FM/DAB. Ora che la radio DAB copre il 90% dell’UK e l’ascolto tramite piattaforme digitali rappresenta il 52%, il governo ritiene che sia il momento di “forzare” una migrazione completa verso la radio digitale”.

Secondo Chantler, il Regolatore inglese stabilirà una data per disattivare le trasmissioni FM britanniche tra il 2022 ed 2023, anche se potrebbe essere mantenuta aperta una finestra in modulazione di frequenza “per le piccole stazioni no profit”.
Posizione che trova il conforto di Evington: “Credo che i trasmettitori FM debbano poter rimanere attivi per almeno altri 10 anni. In quel lasso temporale si potrebbe programmare una migrazione digitale in fasi per i servizi nazionali della BBC a partire da Radio 3, che occupa ancora una larga porzione dell’FM nonostante abbia una quota di ascolto di appena l’1,2%. Ciò libererebbe spazio per una serie di nuovi servizi commerciali a vantaggio del consumatore e dell’erario”
Se i grandi player ottenessero lo  switch-off FM/DAB, risparmierebbero molto. Si sono preparati a questo per molti anni con la creazione di brand come Heart, Capital e LBC (di proprietà di Global), Magic, Kiss e Hits Network (gruppo Bauer). All’inizio di quest’anno Wireless Group/News UK (il terzo più grande player della radio britannica) ha investito molto nel revamping di Virgin Radio – che è una stazione nazionale solo per DAB – reclutando il DJ della BBC Radio 2, Chris Evans”, ha concluso Chantler. (E.G. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Radio digitale. Torna ipotesi switch-off FM/DAB+ in UK per 2022/2023. E a volerlo sono proprio i big player della FM. Che potrebbe pero' rimanere in funzione per stazioni no profit per altri 10 anni

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL