Home Radio e TV Tv nazionali. Ecco un nuovo esame degli ascolti di tutte le Tv...

Tv nazionali. Ecco un nuovo esame degli ascolti di tutte le Tv nazionali sulla base dei dati Auditel di novembre. Chi vince e chi perde nella grande battaglia dell’audience

auditel di novembre

Gli ascolti Auditel di novembre sono molto significativi, perché costituiscono un piccolo ‘riassunto’ della stagione televisiva ormai in pieno corso, che ha avuto il suo primo ‘stop’ a Natale e riprenderà gradualmente in gennaio. Un dettagliato esame può perciò evidenziare chi ha fatto le scelte giuste (e potrà quindi fregiarsi dei buoni ascolti conseguiti per ‘valorizzarli’ sul mercato) e chi invece dovrà rivedere qualcosa, per non chiudere l’annata Tv con un bilancio negativo, a danno della raccolta pubblicitaria e quindi dei bilanci delle società editrici dei vari canali.
Abbiamo dunque concentrato l’attenzione in questa occasione sull’audience di tutte le emittenti televisive nazionali italiane in Auditel di novembre 2018 (i dati sono stati pubblicati da poco) e li abbiamo confrontati soprattutto con quelli del maggio scorso, oggetto di una nostra precedente disamina completa su questo stesso periodico.

Partiamo naturalmente – come sempre – dalle Tv generaliste.
Nel prime time (ore 20.30-22.30) prevale, come di consueto Rai1, con il 18.98%, seguita da Canale 5 con il 16.05% di share. Ma stavolta la classifica si inverte se si guarda alle 24 Ore, perché qui è Canale 5 a prevalere con il 17.06%, solo tallonata da Rai1 al 16.41. Poiché le fasce ‘in sofferenza’ sono di nuovo quelle 12-15 e 15-18, il tutto sembra una diretta conseguenza della scelta di rivoluzionare il pomeriggio della prima rete pubblica, introducendo il programma di Caterina Balivo (che ha lasciato ‘Detto fatto’ di Rai2) ‘Vieni da me’ subito dopo il Tg1 delle 13.30 e poi di fare l’audace tentativo della ‘soap quotidiana’ con ‘Il Paradiso delle signore’, per dare spazio solo di seguito a ‘La vita in diretta’ e poi alla nuova ‘Eredità’ con il redivivo Flavio Insinna. I nuovi innesti in palinsesto non sembrano aver riscontrato il gradimento del pubblico e se a questo aggiungiamo la stanchezza di ‘La prova del cuoco’ con Elisa Isoardi, le cui alterne vicende sentimentali con Salvini ormai interessano relativamente, diciamo che le cose non vanno molto bene nel day-time di Rai1 e vedremo quindi quali provvedimenti prenderà il nuovo direttore Teresa De Santis. Regge invece il prime-time – si diceva – , anche se la presenza di Amadeus al posto dei ‘pacchi’ poteva sembrare un azzardo.
Velocemente le altre reti in Auditel di novembre. Nelle 24 Ore al terzo posto c’è più che mai Rai3 con un ottimo 7.53, seguita da Rai2 (in calo) con il 5.53, mentre Italia 1 veleggia al 4.63, seguita da Rete 4 con il 3.83 e subito dopo da La7 con il 3.79.

Fra le 20.30 e le 22.30 al terzo posto c’è sempre Rai3 con un ottimo palinsesto che le frutta il 6.27; a ruota ancora Rai2, con il 6.01, poi Italia 1 con il 5.19 e ancora La7, un po’ ridimensionata rispetto ai recenti allori, con il 5.06%. Potrebbe averle dato un po’ fastidio la nuova Rete 4 un po’ meno populista e con molta informazione e talk-show, anche se il suo dato finale del prime time non è certo ‘da capogiro’, con il 4.13% di share in Auditel di novembre in prime time, pur sempre un po’ meglio rispetto al passato.
Se si guarda al complesso delle reti (comprese le ‘specializzate’), Rai batte comunque nettamente Mediaset con il 36.06% di share nelle 24 Ore e il 37.54% nel prime time, contro, rispettivamente, il 31.99% e il 31.76 di Mediaset. Un’ultima nota riguarda, fra le generaliste, Tv8 di Sky, che arriva fino al 2.08, mentre Nove di Discovery a sua volta si piazza meglio del recente passato con l’1.46 nelle 24 Ore nell’Auditel di novembre.

Tutto d’un fiato passiamo definitivamente alle reti ‘specializzate’ nelle 24 Ore dell’Auditel di novembre 2018.
Discovery riesce a piazzare un’altra sua Tv al vertice ed è naturalmente Real Time, che arriva all’1.28%. Poi torna in scena la Rai con una Rai 4 (un po’ in sofferenza) e una Rai Premium appaiate all’1.22%, mentre continua a conseguire ottimi risultati la rete per i più piccoli (e soprattutto per le più piccole) Rai Yoyo, che arriva all’1.20. Le distanze fra gli ascolti delle reti sono in realtà minime, anche se hanno una loro valenza.
Ecco allora che le reti citate riescono di nuovo in Auditel di novembre a precedere l’emittente cinematografica di successo di Mediaset, Iris (1.09), e l’omologa pubblica Rai Movie (1.06). Ma Mediaset torna a prendersi una rivincita con 20, che resta su buoni livelli con lo 0.83%, anche se meglio fa Top Crime (1% tondo). Meglio di tutte e due fa però Cielo di Sky con il suo forte erotismo, arrivando all’1.03.

In totale Sky, con tutte le sue reti, fra satellite, il sempre più presente digitale terrestre e le altre vie di diffusione, arriva al 7.08% in Auditel di novembre, ma Discovery non demorde di certo e tallona la pay-tv con il 6.57 complessivo.
A seguire, tornando alle singole emittenti, ecco Giallo, sempre di Discovery, allo 0.81%, mentre prosegue la fase favorevole della rete di solo cinema di Viacom Paramount Channel, con lo 0.79, lo stesso risultato di Dmax di Discovery. Subito dopo, Tv2000 (0.76), La5 di Mediaset (0.70), Mediaset Extra, un po’ in ribasso, con lo 0.67, e la sorprendente Frisbee di Discovery (0.65).
Qualche colpo lo perdono anche le reti per ragazzi frutto della collaborazione Mediaset-Turner, con lo 0.62 di Cartoonito, che precede la stessa Boing allo 0.61.
Fra le reti all news, Rai News 24 è allo 0.58%, preceduta di poco da una Sky Tg 24 un po’ meno brillante del passato con lo 0,66%, anche se il risultato mette assieme l’ascolto della versione satellitare (diciamo così) allo 0.37 e di quella (soprattutto) al 50 sul digitale terrestre (0.29). Tg Com 24 di Mediaset è allo 0.33.

Torniamo alla classifica assoluta con la rete di successo per ragazzi di De Agostini (e Viacom), Super!, allo 0.56% e K2 di Discovery allo 0.52. Buono il risultato di Focus gestione Mediaset, con lo 0.51, seguita da La7d, con lo 0,50%.
Buon successo con lo 0.46% anche per Motor Trend di Discovery, che precede la culturale Rai 5 allo 0.43 e Sky Uno allo 0.42. Di seguito, Food Network di Discovery allo 0.33 e Rai Sport solo allo 0.32; bene Cine Sony allo 0.31. Fra le recenti novità, Spike di Viacom allo 0.28 e Alpha di De Agostini allo 0.24. Appaiate le reti fra Tv e Radio di Rtl (0.22) e Radio Italia (0.20).
Poco prima di questa coppia ci sono le reti sportive di Sky (Sport Uno 0.35%, Sport Serie A 0.31, Sport 24 0.26, Sport 251 – la denominazione ‘Calcio’ è stata cancellata – 0.24), Rai Gulp (solo 0.28%) e Rai Storia (0.26).

Sono decisamente passati i tempi d’oro per Fox Crime, che raccoglie pur sempre con le versioni + 1 e + 2, lo 0.26%, mentre Fox Life è complessivamente allo 0.20 e Fox allo 0.23; fra le altre reti del gruppo, si segnala appena Fox Animation allo 0.08, lo stesso risultato complessivo di National Geographic.
Un cenno alle reti cinema di Sky, con Max (compreso il + 1) allo 0.20, Sky Cinema 1 allo 0.16, + 24 allo 0.11, Hits allo 0.10 e Family allo 0.08.

Altre note: Italia 2 di Mediaset conta sempre meno e raccoglie solo lo 0.11, lo stesso risultato di Vh1 di Viacom, di Padre Pio Tv e di Sportitalia; tutte sono precedute da Pop della Sony (0.18). In ripresa le reti di Alma Group, con Alice allo 0.15 e Marco Polo allo 0.12. Sky Atlantic, pur con tante belle serie, resta sotto lo 0.10%, compresa la versione + 1.
Nulla da fare per le reti di A+E (con la proprietà ‘in evoluzione’), con un totale di 0.16% e male anche la nuova Blaze (0.04), per quelle Digicast (0.05), per Eurosport di Discovery (solo lo 0.04); poca gloria anche per le reti Disney (0.14% complessivo). Deejay Tv è solo allo 0.07, poco sopra lo ‘0’ le reti per ragazzi Turner, così come Nickelodeon e Comedy Central di Viacom e Gambero Rosso; appena meglio Supertennis (0.08) e Top Calcio 24 (nazionale) di Mediapason, allo 0.06%, mentre 7 Gold ha un totale dello 0.12%.
Uscite dalla rilevazione per motivi comprensibili le reti di Premium, un’ultima segnalazione in Auditel di novembre è per Fight Network allo 0.02. Da qui deriva probabilmente la decisione di passare la rete da gennaio dalla Lcn 62 alla Lcn 165 (si chiamerà Fn Sport), a favore di Donna Tv, che sul 62 assumerà inevitabilmente il nome di Donna Sport Tv. (M.R. per NL)