DTT. Il refarming della banda 700 Mhz più forte del Covid-19: la Toscana cambia i canali nel rispetto della road-map

Prosegue la fase 1 del rilascio delle frequenze della banda 700 relative alle “aree ristrette”, che riguarderà dal 20 aprile al 30 maggio 2020 le province toscane di Massa Carrara, Lucca, Pisa, Livorno e Grosseto.

Il Covid-19 non ferma il refarming

Nonostante l’emergenza Covid-19 il sistema televisivo prosegue con la sostituzione delle frequenze della banda 700 seguendo le scadenze predisposte dalla roadmap del Ministero dello Sviluppo Economico.
“E sarà importante garantire in tempi brevi, anche in considerazione della crisi di liquidità causata dall’emergenza Coronavirus, gli indennizzi alle televisioni locali per le frequenze da rottamare”, annota sul punto Confindustria Radio Tv.

Dopo la Sardegna e la Liguria, la Toscana

La Toscana parte dopo le province sarde di Oristano e Sassari, e mentre è ancora in corso (dal 3 febbraio all’8 maggio) la sostituzione delle frequenze in tutte le province della Liguria. La prossima area interessata dal rilascio provvisorio delle frequenze sarà il Lazio, nelle province di Viterbo, Roma, Latina dal 4 al 30 maggio.

50 e 53 off limits

Per le province toscane alcuni canali televisivi nazionali e locali (attualmente diffusi sui canali dal 50 al 53, che, attenzione non sono il numero del telecomando di casa, ndr) saranno progressivamente associati a nuove frequenze di trasmissione. I cittadini utenti che dovessero vedere apparire lo schermo nero su alcuni programmi, dovranno procedere alla ri-sintonizzazione del proprio televisore, per continuare ad accedere a tutta l’offerta televisiva del digitale terrestre. Negli apparecchi televisivi di più recenti, con il cambio di frequenza la risintonizzazione dovrebbe avvenire automaticamente; dovranno, quindi, farla manualmente solo coloro che dovessero veder apparire lo schermo nero al posto del programma prescelto.

DFree e Mediaset 1

Nelle province toscane questa fase interesserà i programmi trasmessi dai multiplex nazionali DFree (Prima TV) e Mediaset 1 (Elettronica Industriale), che passano rispettivamente dal canale 50 al 23 (Dfree) e dal canale 52 al 58 (Mediaset 1) per un totale di 17 programmi televisivi nazionali coinvolti, di cui 3 gratuiti e 14 a pagamento.

I provider locali

Per quanto riguarda i programmi televisivi locali saranno interessati dal rilascio quelli trasportati sui multiplex locali Canale 50 (Massa Carrara, Lucca, Pisa, Livorno) e Canale 3 Toscana (Grosseto) per un totale di 13 marchi di TV locali. Di seguito il dettaglio.

Mux DFree – Programma tv nazionale (LCN)

Sportitalia (sul telecomando tasto n.60)
Mediaset Italia Due (66)
Padre Pio TV (145)
TV 153 (153)
TV 243 (243)
Premium Cinema (463)
Premium Energy (464)
Premium Comedy (466)
Mediaset Italia Due (566)

Mediaset 1 – Programma tv nazionale (LCN)

Sky Atlantic (456)
FOX (457)
National Geographic (458)
Premium Crime (460)
Premium Stories (462)
Premium Emotion (465)
IoRestoACasa 1 (471)
IoRestoACasa 2 (473)

Canale 50 (LI, LU, MS, PI) – Programma TV locale (LCN)

50 Canale (12)
Telecentro1 (91)
50 Galileo (615)
50 Young (671)
50 Social Network (672)
50 News (673)

Canale 3 Toscana (GR) – Programma TV locale (LCN)

Canale 3 Toscana (12)
Canale Civico Siena (210)
Arezzo TV (214)
Canale 6 Valdelsa (274)
Basket Channel (624)
Canale 3 Sport (696)
Cavalli Channel (697)

(E.G. per NL  – fonte Confindustria Radio TV)

foto antenne di Floriano Fornasiero

printfriendly pdf button - DTT. Il refarming della banda 700 Mhz più forte del Covid-19: la Toscana cambia i canali nel rispetto della road-map