IP TV. Lo streaming video verso il sorpasso della TV: gli OTT strappano ai broadcaster anche lo sport

streaming video

Per la prima volta nel nostro Paese sarà un servizio di streaming video a detenere la maggioranza dei diritti della massima serie calcistica.

Lo streaming video nel 2020

Il 2020 è stato un anno fondamentale per il settore dello streaming in Europa, in particolare per quello legato al video. Il mercato ha infatti compiuto un balzo in avanti totalmente inaspettato, raggiungendo risultati previsti solo per il 2023.

Le previsioni per il 2024

Sebbene il settore fosse già in espansione dal 2018, i lockdown del 2020 hanno dato un boost al giro d’affari degli OTT. Infatti, lo scorso anno ha segnato un punto di svolta fondamentale, in seguito al quale si prevede che il mercato raggiungerà, nel 2024, cifre intorno ai 18 miliardi di euro.

Il volume d’affari

Per dare un’idea di quanto la crescita sia importante: il volume d’affari del 2020 è stato di 10,65 miliardi. Si tratta di un incremento del 12% annuo, corrispondente a 2 miliardi. Da qui a quattro anni, dunque, il settore vedrà un aumento di 8 miliardi.

Lo streaming video in Italia

La nazione che più di tutti ha visto crescere il mercato dello streaming video è l’Italia, dove si è registrato un incremento del 47%. Proprio il nostro paese, insieme alla Germania, sta vivendo un cambiamento storico nel settore dell’intrattenimento tv. Da settembre 2021, infatti, per la prima volta sarà un OTT a detenere la maggioranza dei diritti sulle partite di calcio del prossimo campionato.

I diritti sulla Serie A

DAZN si è infatti aggiudicata il 75% dei match in programma per la stagione 21/22, mentre il restante 25% sarà in coesclusiva con Sky. La pay tv canonica si trova ora in una posizione difficile, dato che lo sport era ormai l’ultimo caposaldo dell’offerta dei broadcaster.

streaming video - IP TV. Lo streaming video verso il sorpasso della TV: gli OTT strappano ai broadcaster anche lo sport

Le mosse di Amazon….

Al contempo, Amazon ha portato a termine importanti operazioni di mercato sia in Europa che negli Stati Uniti. In America, infatti, ha investito 1,3 miliardi di dollari per appropriarsi dei diritti del Thursday Night Football.

…. al cospetto di Sky e Mediaset Infinity

Mentre nel Vecchio Continente, la società di Jeff Bezos si è aggiudicata la trasmissione delle partite del mercoledì sera di Champions League, ossia i match più interessanti della competizione. Le restanti gare sono coesclusiva di Sky e Mediaset Infinity.

Streaming video 2 - IP TV. Lo streaming video verso il sorpasso della TV: gli OTT strappano ai broadcaster anche lo sport

Le previsioni di ITMedia Consulting

Entro il 2024, stima ITMedia Consulting, il settore streaming passerà dal 6% della spesa per i diritti dei media, al 24%. Per quanto riguarda i ricavi, invece, ITMedia prevede che arriveranno a toccare i 71 miliardi di euro nel nostro continente, di cui 11 solo nel calcio.

Più streaming video e meno TV

Il quadro che si delinea da questi recenti sviluppi fa presagire un futuro sempre più orientato verso i servizi di streaming. Dunque, più broadband e meno broadcast. Situazione favorita anche dalla mancanza di regole chiare e valide per tutti – OTT ed emittenti canoniche – auspicate invece da Andrea Imperiali durante la Conferenza Auditel al Senato. (A.M. per NL)

printfriendly pdf button - IP TV. Lo streaming video verso il sorpasso della TV: gli OTT strappano ai broadcaster anche lo sport
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - IP TV. Lo streaming video verso il sorpasso della TV: gli OTT strappano ai broadcaster anche lo sport

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL