Radio 4.0. Radiomediaset sperimenta le radio no brand per capire la potenza dei marchi

brand, paolo salvaderi, radiomediaset

“Gli imprenditori radiofonici devono considerate le nuove piattaforme come delle opportunità. Per esempio, i vari smart speaker che entrano nelle case, da Amazon Echo a Google Home fino ad Apple Home Pod, sono una grande occasione per le radio con un forte brand. Il brand, infatti, può cavalcare benissimo l’avvento del digitale“.
Così Paolo Salvaderi, a.d. di Radiomediaset in una intervista odierna a Italia Oggi sulla “Sfida del digitale“.
Nulla di nuovo, del resto: Salvaderi non ha mai fatto mistero di considerare il brand uno degli asset più importanti delle emittenti radiofoniche nazionali.
Per questo motivo, nella prospettiva di un futuro anticipato, che vedrà il 20% del parco auto interconnesso entro il 2020 e la totalità dello stesso entro dieci anni (car play preinstallato o mirrorlink con smartphone) – come riconosciuto dalla BBC che ha rivisto i propri piani in tale ottica – Radiomediaset, attraverso l’aggregatore captive Unitedmusic.it, sta “facendo analisi, proponendo in streaming prodotti senza brand per vedere se ci sono differenze con prodotti invece a brand. Cambiano i device, ma non cambia l’affezione alla marca – sottolinea Salvaderi -. Dovremo essere capaci di mutare pelle, di valorizzare appunto il brand come hanno saputo fare tanti altri marchi nella storia”.Unitedmusic - Radio 4.0. Radiomediaset sperimenta le radio no brand per capire la potenza dei marchiSalvaderi tocca anche un punto importante, oggetto di ripetute riflessioni su queste pagine: il fallimento delle app delle singole emittenti: “Le app non sono un fenomeno decollato, hanno un peso irrilevante”. 
In numerose occasioni, del resto, avevamo osservato come fosse improbabile che un utente scaricasse sul display dello smartphone, sul tablet, piuttosto che sul dashboard delle connected car da 6 a 12 app radiofoniche (questa la media delle stazioni più frequentemente fruite da un ascoltatore), preferendo downloadare un’unica applicazione aggregatrice (TuneIn, FM World, MyTuner, ecc.).
E poi c’è l’universo, in Italia pressoché inesplorato, del podcasting, che secondo osservatori qualificati riserverà opportunità enormi per il mercato radiofonico, soprattutto per quanto riguarda contenuti non musicali, come sport, news, talk, dominio pressoché esclusivo dei broadcaster,  che non temono la concorrenza dei servizi di streaming on demand come Spotify o Pandora.
SOD che, peraltro, non spaventano Salvaderi nemmeno sull’aspetto musicale: “Spotify per ora non ci ha tolto ascolti. La radio fa da vetrina, ovviamente di prodotti di massa. Spotify, successivamente, fa lo streaming. Ma la vetrina resta ancora la radio“. (E.G. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Radio 4.0. Radiomediaset sperimenta le radio no brand per capire la potenza dei marchi

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL